Zecchino d'Oro 2015: la classifica finale e tutti i retroscena

Il nostro inviato Mario Gardini, autore della canzone in gara, Il Rompigatto, ci racconta le canzoni e i retroscena dell'ultima edizione dello Zecchino d'Oro 2015 che ha appena chiuso i battenti.


E così anche la 58° edizione dello Zecchino d’Oro ha chiuso i battenti.
È stata sicuramente una bellissima edizione, piena di canzoni, ospiti simpatici e divertenti, buona musica e tanta simpatia da parte dei due conduttori, Cristel Carrisi e Flavio Montrucchio che, un po’ impacciati nelle prime puntate, hanno via via preso confidenza con questa grande festa dell’Antoniano di Bologna.



A vincere quest'anno è stata l'emozione, quella vera e palpabile in studio e durante le prove, e quella che ha portato a vincere la canzone Prendi un’emozione (testo e musica di Lodovico Saccol, interpretata da Greta Cacciolo, 8 anni, di Gioiosa Marea) che si è classificata al primo posto (al secondo posto Cavoli a merenda e parimerito al terzo posto Tutanc'mon, Resterà con te e La Parce que Des Porquoi).
Guarda il video della canzone che ha vinto




Da parte mia, autore de Il rompigatto, interpretato dalla piccola Dania Lascialfari della provincia di Udine, e ormai veterano dello Zecchino, posso dire che mi sono divertito moltissimo, soprattutto quest'anno in cui la giuria era interamente formata da bambini.
Questa è la mia classifica persona delle canzoni in gara. Non corrisponde esattamente alla classifica ufficiale. Ma, in fondo, il mondo è bello perché i gusti sono vari. O no?

Al primo posto io metto Il contrabbasso, simpaticissima canzone che parla di strumenti musicali e amore per l’arte.
Al secondo Tutanc’mon per il bellissimo ritmo arabeggiante che ha il brano (non per nulla gareggia come canzone straniera per l’Egitto). Il testo dice poco, è la musica che qui fa tutto.
Terzo posto per la vincitrice di questa edizione Prendi un’emozione, canzone con una forte influenza rock che parla di emozioni e che è nata (lo so perché l’autore è amico mio) ben prima del grande successo di Inside out. Trovo che si sia meritata la vittoria.
Quarto posto per la dolce ballata francese Le parce que des pourquoi e quinta metterei Cavoli a merenda, simpatica variazione sul tema dei detti legati al cibo.

Le altre, tutte pari merito. Ho apprezzato il tentativo di alcuni autori di proporre cose diverse dal solito, come lo Zombie vegetariano o La commedia divina che parla di Dante e Beatrice introducendoli in un mondo moderno fatto di tag.
Spero proprio che anche il mio Rompigatto sia piaciuto, anche grazie allo splendido cartone animato che lo ha accompagnato.
Guarda il video de Il Rompigatto.



Ora, miagolando vi saluto e me ne vado.
E ci rivediamo l'anno prossimo per una nuova avvincente edizione!

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network