Compiti delle vacanze: come farli

Ad agosto ormai inoltrato e a meno di un mese dalla riapertura delle scuole, è tempo di pensare seriamente ai compiti delle vacanze. Ecco alcuni consigli per aiutare i bambini a svolgerli al meglio.

Articoli Correlati

Compiti delle vacanze: come farli


A meno di un mese dalla riapertura delle scuole, per i bambini che nei mesi scorsi si sono dedicati al gioco e al divertimento, come è giusto che sia, è tempo di pensare seriamente ai compiti delle vacanze. Ecco alcuni consigli per aiutarli a trovare un metodo e arrivare pronti all'appuntamento con il nuovo anno scolastico.


30 MINUTI TUTTI I GIORNI
Cominciando per tempo e pianificando bene la mole di lavoro, è possibile ridurre il tempo giornaliero che i bambini devono trascorrere sui libri. Una buona tabella di marcia non dovrebbe richiedere più di 30 minuti tutti i giorni (salvo casi eccezionali quali, per esempio, lo svolgimento di un tema o di un riassunto o la soluzione di un problema…), evitando il sabato e la domenica.
Il consiglio è di alternare le materie, per fare in modo che i piccoli non possano annoiarsi immediatamente. Un giorno, quindi, sarà dedicato allo svolgimento degli esercizi sul libro, un giorno alla lettura, uno alla matematica, uno all’italiano, uno al disegno…. a seconda di quelli che sono gli impegni. L’ideale sarebbe, per ogni sessione di studio, completare il blocco di esercizi, per poter così passare ad altro nella sessione successiva.


QUAL È IL MOMENTO MIGLIORE PER SVOLGERE I COMPITI DELLE VACANZE?
Naturalmente, non esiste un momento ideale, nell’arco della giornata, che possa andare bene per tutti. Ogni famiglia ha le proprie abitudini e i propri ritmi. Quindi una situazione che è congeniale per uno potrebbe non esserlo per l’altro. Quello che è certo è che andrebbero evitati i momenti in cui il bambino è particolarmente stanco, quando sicuramente c’è altro da fare in grado di attirarlo di più e quando la confusione in casa è maggiore.
Un buon momento, generalmente, è la mattina dopo colazione. I bimbi, infatti, sono più rilassati e, quindi, più collaborativi. Per chi già si trova in vacanza, invece, potrebbe essere preferibile la mezz’ora dopo il pranzo. In modo da non interrompere nessuna attività all’aria aperta e sfruttare un momento, quello del dopo pasto, in cui sicuramente il bambino è in casa con i genitori.
Sconsigliate, invece, le ore che seguono la merenda del pomeriggio (dopo le quattro è un buon momento per uscire, andare al parco per chi si trova in città o in spiaggia per chi è partito) e le ore serali quando il bambino potrebbe essere molto stanco e, quindi, poco propenso a concentrarsi e collaborare.

3 REGOLE FONDAMENTALI MENTRE SI FANNO I COMPITI DELLE VACANZEbr>
  • Non si guarda la televisione e non si ascolta la musica.
  • Il tempo dedicato ai compiti deve essere solo per lo svolgimento di questi: niente cellulare, quindi, giocattolo, tablet , consolle per giocare…
  • Non ci si alza 100 volte dalla sedie con mille scuse. Mentre si fanno i compiti, mezz’ora appunto, si rimane seduti e concentrati.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture