Gli Invalsi per la scuola primaria

Al via a maggio le prove Invalsi (Italiano, Matematica e Scienze) per la scuola primaria. Di cosa si tratta e come preparare i bambini ad affrontarle.

Gli Invalsi per la scuola primaria



Sebbene per i bambini della Scuola Primaria i test Invalsi non possano considerarsi un esame vero e proprio, si tratta, comunque, anche per loro, di una prova da affrontare e superare per imparare a farsi le ossa per quelle che saranno le responsabilità scolastiche richieste negli anni successivi.
Domande e risposte sono anonime, semplicemente associate a un codice che consenta, poi, di risalire a questa o quella struttura, in modo tale da assegnare ai diversi plessi scolastici un punteggio che descriva lo stato di preparazione degli alunni.
L'obiettivo di questo tipo di test, uguale per i bimbi di tutta Italia, è noto: monitorare lo stato dell'arte della scuola italiana, partendo dal presupposto che a un certo punto dell'anno, tutti gli scolari dovrebbero aver raggiunto un determinato livello di preparazione. Una sorta di esame per la scuola, quindi, più che per gli studenti.



TEST INVALSI: IN COSA CONSISTONO E COME CI SI PREPARA

I test invalsi, secondo una modalità ben collaudata all'estero ma che trova diversi detrattori qui in Italia, sono quiz a risposte chiuse. Data una domanda, quindi, e un certo numero di risposte possibili, solo una risulta corretta.
Per la scuola primaria, la preparazione degli studenti spetta direttamente agli insegnanti, che dovrebbero avere tutto l'interesse a far sì che le proprie classi, e di conseguenza, il proprio istituto, si posizionino in un punto alto della graduatoria.
Per i bambini, invece, rappresenta un bel banco di prova, innanzitutto per dimostrare di aver raggiunto la maturità tale per affrontare con calma e serenità un esame.
Sebbene, quindi, non siano finalizzati al raggiungimento di un voto, andrebbero, comunque, affrontati con serietà. Sia a scuola che a casa. Trasmettendo al piccolo il senso dell'importanza del buono svolgimento della prova e, al contempo, insegnandogli a non temere e non 'subire' test e verifiche.

Le prove Invalsi saranno somministrate, con date differenti a seconda della classe, nel mese di maggio.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
COPERTINA come-indossare-le-ballerine-dai-unocchiata-a-un-po-di-idee-di-styling-per-bambine

Come indossare le ballerine? Dai un'occhiata a un pò di idee di styling per bambine

Con l'arrivo della bella stagione, non solo gli adulti, ma anche i bambini sentono il bisogno di abbandonare stivali e scarponcini e di indossare delle scarpe più leggere come le ballerine, un classico intramontabile nel guardaroba di ogni bambina. Con il loro grazioso design e il comfort imbattibile, sono perfette per ogni occasione, dalla scuola alla festa di compleanno. Comode e raffinate, fanno sentire le bambine delle vere principesse. Ecco cinque idee creative per far indossare le scarpe da ballerina alle bambine in modo stiloso e divertente.  

continua »
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
Cerca altre strutture