Pediatri: no al cellulare sotto i 10 anni - Età scolare - Bambinopoli





Pediatri: no al cellulare sotto i 10 anni

A scagliarsi contro l’uso del cellulare da parte di bambini sotto ai 10 anni è questa volta la Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) che mette in guardia sull’abuso di smartphone e simili da parte dei più piccoli, denunciando quelli che sono i rischi concreti per la salute e il benessere dei bimbi.

Articoli Correlati


Scarsa capacità di concentrazione, perdita della memoria, problemi con il sonno, aggressività. Questi alcuni dei disturbi di cui potrebbero soffrire i bambini che abusano di telefonini e smartphone secondo la SIPPS – Società Italiana di Pediatria Preventiva.
Sotto accusa, innanzitutto, le onde elettromagnetiche, di cui ancora poco si sa, ma che sembrerebbero particolarmente dannose per la salute dei bambini dal momento che provocherebbero un innalzamento localizzato della temperatura che porterebbe a necrosi le cellule, in questo caso cerebrali dal momento che il telefono viene tenuto accanto alla testa.


Accanto a questo problema, denunciato dai pediatri italiani preoccupati anche perché l’età media degli utilizzatori di telefonini si sta drammaticamente abbassando, ne è stato evidenziato un altro, attinente, più che altro alla sfera comportamentale: l’abuso di smartphone, infatti, non solo provocherebbe dipendenza, ma sarebbe alla base di comportamenti asociali e dell’incapacità dei bambini e dei ragazzi di oggi di costruire relazioni reali stabili con le persone che vivono loro intorno.

Se ancora, quindi, non esistono linee guida per l’utilizzo dei cellulari sotto ai 10 anni, è nel buonsenso dei genitori che ci si affida affinché ne ritardino quanto più possibile l’uso con i loro figli, ponendo delle regole chiare laddove il possesso da parte dei bimbi non possa essere negato del tutto:

  • Il cellulare è uno strumento per comunicare. Va usato solo a questo scopo e per pochi minuti al giorno per le cose più urgenti.
  • L’accesso a internet tramite smartphone andrebbe negato. Non solo perché più difficile il controllo sui siti visitati dai bambini, ma perché wifi e 3G potrebbero causare danni seri alla salute del piccolo.
  • Impedire al bimbo di addormentarsi con il cellulare accesso accanto al cuscino. Di notte lo smartphone va spento!
  • No a tariffe flat che offrono minuti e sms illimitati. Mamma e papà devono poter controllare, anche attraverso la spesa settimanale, il tempo che i figli trascorrono al telefono.
  • Se non strettamente necessario, evitare comunque di mettere nelle mani di un bimbo di pochi anni uno smartphone, spesso costoso, che consente di fare tutto.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Redooc-compiti-vacanze-al-mare

Chi ha paura dei compiti delle vacanze?

Sebbene la scuola non sia ancora finita, ecco alcuni consigli per organizzarsi al meglio con i compiti delle vacanze. Redooc, infatti, offre una soluzione a portata di clic per renderli meno “ingombranti” e più divertenti!

continua »
Proteggere-bambini-rete

5 regole per proteggere i nativi digitali

Utilizzano tablet e smartphone ancor prima di imparare a leggere e scrivere e sono perfettamente in grado di usare internet per studio o divertimento. Anche i nativi digitali, però, vanno protetti dai rischi che la rete comporta. Ecco alcuni consigli per farlo. 

continua »
Totoro

Buon compleanno Totoro

Il mio vicino Totoro compie 30 anni e a tutt'oggi rimane un vero e proprio capolavoro della cinematografia dell'infanzia, in grado di emozionare i bambini di tutte le generazioni. Ecco le ragioni del successo. 

continua »
Zaino-uguale-per-tutti

A Novara zainetto uguale per tutti

Uno zainetto uguale per tutti i bambini. Succede a Novara dove una scuola elementare ha fornito a tutti gli aluni il medesimo zainetto, anonimo, non griffato e gratuito. La storia nasce sui social e apre il dibattto. 

continua »
Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network