Pidocchi: prevenzione, rimedi e rimedi naturali

Con l'arrivo della bella stagione, molti bambini partiranno per centri estivi, campus e colonie. Luoghi particolarmente adatti al proliferare dei pidocchi. Tutto quello che c'è da sapere in merito, tra leggende popolari, cose vere e cose false.

Articoli Correlati

di Manuela Magri

Sono vispi e attivi tutto l’anno. Durante l’estate, però, quando i bambini partono per campus e centri estivi e il controllo di mamma e papà viene meno, i pidocchi, piccoli parassiti che vivono sul cuoio capelluto e si nutrono di sangue, tornano a diventare un problema per le famiglie e per i genitori che al ritorno a casa dei pargoli si trovano a dover affrontare l’eliminazione del terribile animaletto e delle uova, lendini in gergo, da questo depositate sui capelli (la femmina depone in media una decina di uova al giorno che si fissano alla radice dei capelli).
Poiché, però, intorno all’argomento esiste molta ignoranza, spesso dovuta a false credenze e racconti popolari, meglio fare chiarezza, per evitare di complicarsi inutilmente e ulteriormente la vita e per poter intervenire in modo efficace allorquando il problema dovesse presentarsi.



PIDOCCHI: VERO E FALSO
Il rischio di pediculosi è maggiore nei mesi estivi e in quelli autunnali

Vero. Sebbene, infatti, i pidocchi non vadano in letargo in inverno, sono i mesi estivi e quelli autunnali quelli in cui, da indagini epidemiologiche, è più alto il rischio di pediculosi del capo.

Per evitare i pidocchi è sufficiente mantenere alto il livello igienico lavandosi la testa tutti i giorni.
Falso. L’igiene o meno dei capelli è del tutto irrilevante per ciò che concerne la possibilità di avere i pidocchi. In caso di infestazioni tutti i bambini sono a rischio.

I pidocchi sono pericolosi per la salute
Falso. Per quanto possano essere fastidiosi, i pidocchi non sono direttamente responsabili di infezioni che, il più delle volte quando si verificano, sono dovute al micro ferite procurate grattandosi, o di altre patologie più gravi.

I pidocchi saltano da una testa all’altra. Scongiurare l’epidemia è, quindi, impossibile.
Falso. I pidocchi non saltano e tanto meno saltano le lendini. Semplicemente si trasmettono da una testa all’altra attraverso il contatto diretto tra i capelli.

I pidocchi possono sopravvivere lontano dall’uomo
Vero. I pidocchi adulti sopravvivono lontano dall’uomo 2/3 giorni. Le lendini, invece, possono rimanere attive anche per una decina di giorni. Ecco perché, in caso di pediculosi, è bene disinfettare anche biancheria, asciugamani, pettini, spazzole, accappatoi… Ed ecco perché i pidocchi si possono trasmettere anche attraverso il contatto diretto con sciarpe, cappelli, giacche, felpe…

I prodotti antipeducolosi possono essere utilizzati anche come forma di prevenzione
Falso. Non esiste una vera e propria forma di prevenzione se non l’evitare il contatto diretto tra teste e capi di abbigliamento in cui già siano presenti i pidocchi e le lendini. I trattamenti antipeducolosi devono essere usati solo in caso di accertata presenza del parassita e delle uova sui capelli. Seguendo le indicazioni fornite dal produttore e ripetendo il lavaggio dopo qualche giorno. Inoltre, è necessario staccare a mano con un pettinino a denti stretti i pidocchi e le lendini morti.

L’aceto uccide i pidocchi
Falso. L’aceto non uccide né i pidocchi né le lendini. Aiuta, però, a rimuovere facilmente le uova e i parassiti morti.

RIMEDI PREVENTIVI NATURALI
Come dicevamo sopra, non esiste una forma sicura al 100% per prevenire i pidocchi. Nel momento in cui si scatena l’epidemia tutti sono a rischio.
Alcuni oli, però, facilmente reperibili in erboristeria, sembrerebbero tenere lontani i pidocchi con il loro odore e possono essere utilizzati in modo preventivo.
Si tratta del tea tree oil, l’olio di neem, da applicare sui capelli del bambino partendo dalla radice, gli oli essenziali di lavanda, timo, rosmarino e chiodi di garofano (10 gocce per tipo da applicare sui capelli una volta al giorno)

  • Commento inserito da Salvatore il 25 gennaio 2016 alle ore 11:05

    Ottimo articolo su cosa fare per il problema pidocchi e ben spiegato, ne ho anche trovato un altro su una rivista sulle acconciature :







    collectionhair.it/Magazine/Article/84/il-nuovo-anno-scolastico-senza-pidocchi-le-cose-giuste-da-fare-per-respingerli

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Modulo-TempoPieno

Iscrizioni a scuola: modulo o tempo pieno?

In vista delle iscrizione a scuola di gennaio, facciamo un po' di chiarezza sul Tempo Scuola: meglio modulo o tempo pieno?

continua »
Iscrizioni-scuola2018-2019

Dal 16 gennaio iscrizioni aperte per l'anno scolastico 2018/2019

Dal 16 gennaio al 6 febbraio sarà possibile inoltrare le domande per le iscrizioni alle classi prime della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado per l'anno scolastico 2018/2019. Le domande andranno presentate online

continua »
Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network