Quando la scuola fa paura

Non ha mai avuto problemi. A scuola è sempre andato volentieri. Ma la paura della scuola può presentarsi in qualunque momento anche negli scolari migliori.

Articoli Correlati

Quando la scuola fa paura


Con febbraio si può dire che per i piccoli scolari cominci il giro di boa; il quadrimestre sta per concludersi, ci si avvia verso la primavera e la resa dei conti, gli insegnanti iniziano a pretendere dei risultati, risultati che poi le pagelle confermeranno o smentiranno.
Può capitare, quindi, che un bambino si svegli una mattina e, colto da una crisi d'ansia, annunci che a scuola non ci vuole andare più.


In questi casi, niente panico. Probabilmente il piccolo è stressato, la pressione e le aspettative che si sente addosso sono molto forti e, forse, reagisce con un rifiuto a qualcosa che gli sembra insormontabile.
Potrebbe anche darsi che la paura della scuola si manifesti attraverso inspiegabili mal di pancia, influenze immaginarie, malattie inesistenti.
Come comportarsi, dunque, di fronte a un bambino terrorizzato da compiti e interrogazioni?

Innanzitutto cercando di capire dove si nasconda il problema. Parlando con il piccino, chiedendogli cosa c'è che non vada e se qualcosa di specifico lo stia spaventando, forse riuscirete a comprendere cosa gli stia succedendo e potrete cercare di intervenire sulla causa del problema più che sull'effetto. Possibilmente, evitate di ridurre tutto a un semplice capriccio dal momento che dietro a ogni capriccio si nasconde quasi sempre un bisogno del bambino di essere ascoltato e aiutato.

Fissate un incontro con le insegnanti per provare a capire se a scuola possa essere successo qualcosa che ha spaventato il piccolo provocando in lui una reazione di rifiuto (una sgridata, un litigio con i compagni, un brutto voto...); dopodiché parlate con il bimbo. É importante che il vostro sia un dialogo rilassato e non un'interrogazione. Introducete il discorso parlando del più e del meno ('cosa hai fatto a scuola?', 'quali sono i compagni con cui ti trovi meglio?'...) e provate a presentare l'ambito scolastico non solo come un campo di battaglia e di sfida, ma come un luogo in cui si fanno amicizie, si imparano cose nuove, si sta insieme e ci si diverte.
Spesso, infatti, il vero motivo per cui un bambino è stressato dipende dal fatto che gli adulti proiettano su di lui il loro personale stress (lo stress del voto, la sindrome dei compiti a tutti i costi, la paranoia del primo della classe).
Insomma, se di punto in bianco un piccino decide che a scuola non vuole andarci più, un motivo deve pur esserci: capire quale sia vuol dire spesso intterrogarsi sul proprio comportamento e sulle proprie aspettative il più delle volte ingiustificate.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Tangram

Tangram: fantasia al potere

Il Tangram, antico gioco cinese che prevede la costruzione di figure a partire da 7 pezzi geometrici diversi, è molto più che un gioco per bambini. E aiuta a sviluppare concentrazione e metodo.

continua »
Coding2022

Coding: passatempo estivo

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd.

continua »
Analfabeti-funzionali

Adolescenti analfabeti funzionali

Allarme di Save the Children: un adolescente su due non capisce quello che legge. Lo comunica il presidente dell'Associazione Claudio Tesauro.

continua »
Giochi-senza-frontiere

Come organizzare una giornata 'sportiva' con tutta la classe

Volete organizzare una giornata all'insegna dello sport e del divertimento con tutta la classe? Cercate idee per coinvolgere bambini e genitori in un campionato all'insegna dei giochi senza frontiere? Leggete qui.

continua »
Cerca altre strutture