Scuola in festa

Manca poco più di un mese alla fine della scuola e molti Istituti si stanno organizzando per salutare con una festa l'anno che sta per concludersi....

Articoli Correlati

Ultime settimane di scuola, tempo di feste di fine anno. Le classi si sono organizzate, chi allestendendo spettacoli teatrali, chi imbastendo amichevoli tornei in varie discipline sportive tra improvvisate squadre di insegnanti contro genitori contro alunni, chi preparando mercatini di merce varia a scopo benefico o come strumento di finanziamento per le future iniziative scolastiche, chi organizzando giochi, rinfreschi, lauti buffet...
Insomma, in quattro parole, feste di fine anno, un momento di gioia e allegria al quale è importante che le mamme e i papà prendano parte insieme ai loro bambini, se possibile fornendo il loro personale contributo.


Ecco per quale ragione.

Le feste scolastiche sono, per eccellenza, un momento di scambio, l'occasione per conoscere meglio l'ambiente che il piccolo frequenta, ha frequentato e, probabilmente, continuerà a frequentare nei prossimi anni. In un'atmosfera di festosa baldanza, i genitori hanno la possibilità di parlare con gli insegnanti in modo rilassato, diversamente da quanto avviene durante i colloqui privati o le assemblee di classe dove, generalmente, si discute partendo dal presupposto che esiste o potrebbe esistere un problema; i bimbi giocano e socializzano con i compagni, allargano le loro conoscenze ai bambini delle altre classi, più grandi o più piccoli, scoprono che la scuola non è solo il luogo tedioso dove i doveri superano i diritti e dove imparare significa rinunciare al proprio tempo libero, alle mattinate al parco o davanti alla televisione.
Insomma, per tutti le feste scolastiche rappresentano una possibilità in più per stringere i legami e approfondire conoscenze che spesso, durante l'anno, rimangono in superficie o sono segnate dal 'rapporto professionale'.


Per questi motivi riteniamo che sia importante, da una parte che mamme e papà (eventualmente anche i nonni) non snobbino queste iniziative e che vi prendano parte non solo come semplici spettatori, ma anche come organizzatori attivi dell'evento; dall'altro che insegnanti e direzioni didattiche lavorino perché queste manifestazioni di gaudio generalizzato possano verificarsi e avere luogo per il bene dei bambini e per una scuola che sia davvero la scuola di tutti.
Da un punto di vista psicologico, infatti, le feste scolastiche (e la festa di fine anno in particolare) sortiscono indubbiamente un effetto positivo sugli alunni tanto è vero che tutti i bimbi del mondo ci tengono a parteciparvi e hanno piacere che anche i loro genitori vi prendano parte.

Come dicevamo sopra, tante sono le attività che possono essere proposte per il buono svolgimento della festa: gli spettacoli teatrali, di cui i piccoli sono protagonisti e attori, sono un classico; stessa cosa dicasi per i tornei sportivi che, tra le altre cose, riescono a creare una vera situazione di scambio impegnando non solo i piccoli e i loro insegnanti, ma anche i genitori; bancarelle, una zona rinfresco, eventualmente un angolo per i fratellini (baby trucco, laboratorio di pittura su magliette, giochi…). E, poi, largo spazio alla fantasia.
Come spazi potrebbero essere utilizzati la palestra e la mensa della scuola, il cortile o il giardino se il tempo lo permette e le aule scolastiche per le singole iniziative delle classi.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da davide il 4 dicembre 2008 alle ore 20:48

    speriamo che la scuola chiude,cosi io gioco a war rock

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture