7 sintomi per riconoscere la depressione post partum

Un disturbo diffuso che colpisce, in forme più o meno gravi, tantissime neomamme nei giorni immediatamente successivi al parto e durante i primi mesi di vita del bambino. Quali sono i principali sintomi della depressione post partum? 


La paura di sbagliare e di non essere adeguate al compito che si è chiamate a svolgere interessa la maggior parte delle neomamme nei giorni e nei mesi successivi al parto.
Si tratta di comportamente assolutamente normali che spesso creano ansia e frustrazione nella donna ma che rientrano nella sfera di quello che il puerperio può comportare.


Diverso, invece, il caso di quelle neomamme che subito dopo la nascita del bambino cadono in uno stato d'ansia che le porta spesso ad avere comportamenti di indifferenza, fastidio e addirittura odio nei confronti del piccolo e/o di se stesse.
La depressione post partum colpisce, in forme più o meno gravi e manifeste, tantissime neomamme e può risolversi velocemente e senza alcuna conseguenza se viene immediatamente riconosciuta e affrontata nel modo corretto, con il supporto pratico ed emotivo di tutta la famiglia.
Ecco 7 sintomi piuttosto comuni che potrebbero essere il segnale che qualcosa non va.

  1. Indifferenza: già nelle ore successive al parto, la neomamma si mostra del tutto indifferenze nei confronti del bambino. Non prova, guardandolo, alcuna emozione. Non desidera prenderlo in braccio, coccolarlo, attaccarlo al seno. E si limita a subire il tourbillon vorticoso delle ore che seguono la nascita come se stesse capitando a qualcun altro.
     
  2. Tristezza: sebbene lo sconvolgimento ormonale non giochi a favore della neomamma e crisi di pianto improvvise e immotivate sono assolutamente giustificabili e normali, uno stato di tristezza e angoscia permanente, pianti continui, lacrime protratte nel tempo sono senz'altro il segnale che qualcosa non sta andando come dovrebbe.
     
  3. Senso di inadeguatezza: che una neomamma non si senta pronta ad affrontare tutto quello che la cura di un bambino comporta è sacrosanto e legittimo. Quando, però, il senso di inadeguatezza sfocia in immobilismo che paralizza la mamma dal compiere qualunque azione di accudimento del bimbo, è evidente che ci sia un problema più profondo da affrontare e risolvere.
     
  4. Nervosismo e scatti d'ira: quando la mamma si inalbera per un nonnnulla, quando tutti possono diventare bersaglio delle sue improvvise sfutiate, a meno che non sia carattere, sarebbe bene chiedersi cosa si celi e dove sia il problema.
     
  5. Fastidio: alcune mamme sono infastidite dalla presenza del loro bambino. Non solo non provano verso quel piccolo urlante alcuna tenerezza e senso di protezione, ma ne sono totalmente infastidite, vivendo la sua presenza in casa come un'intrusione.
     
  6. Inappetenza
     
  7. Sonnolenza protratta: che le neomamme soffrano per la mancanza di sonno è un conto. Che ogni superficie piana sia buona per schiacciare un pisolino negli orari più insensati anche. Quando, però, la neomamma passa a letto tutta la giornata, senza nemmeno prendersi la briga di cambiare il pigiama o la tuta, si potrebbe nascondere un segnale di depressione post partum

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network