La salute della donna e del bambino

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il provvedimento che tutela i diritti della partoriente, promuove il parto fisiologico e la salute del neonato.

Articoli Correlati

La salute della donna e del bambino diventa obiettivo primario del Governo e materia del Disegno di Legge recentemente approvato dal Ministro Livia Turco che promuove, tra le altre cose, la tutela dei diritti della partoriente, il parto fisiologico e la salute del neonato.
Da quanto si legge, infatti, dalla relazione illustrativa al DdL, emerge che, nonostante i progressi verificatisi negli ultimi 40 anni in materia di mortalità infantile, parti prematuri o sottopeso, assistenza pre e post natale…, rimane tuttora limitata la diffusione di informazioni necessarie per la donna per vivere con piena consapevolezza i momenti della gravidanza prima e del puerperio poi e la frequentazione di corsi pre-parto (si aggira intorno al 30% con notevoli differenze tra un'area geografica e l'altra). Inoltre, è ancora forte la tendenza a medicalizzare la nascita.


Il provvedimento, quindi, persegue le seguenti finalità:
 

  1. promuovere un'appropriata assistenza alla nascita, tutelando i diritti e la scelta della gestante.Assicurare in tutte le aree geografiche la salute della mamma e quella del bambino e il benessere familiare nell'esperienza della genitorialità.
  2. Ridurre i fattori di rischio e di malattia pre e post concezionale con specifiche campagne di informazione e prevenzione.
  3. Implementare l'attività dei consultori familiari promuovendo tra le donne una maggiore informazione in materia di maternità.
  4. Contribuire alla maggiore diffusione dell'allattamento al seno.
  5. Promuovere l'apprendimento e l'uso di tecniche che consentano un maggior controllo del dolore nel momento del travaglio e del parto.
  6. Rafforzare gli strumenti per la salvaguardia della salute della mamma e del bambino.
  7. Assicurare la qualità dell'assistenza ostetrica e pediatrico/neonatologica nel periodo perinatale.
  8. Contrastare le differenze territoriali che ancora sussistono tra le diverse aree geografiche sia in termini di accesso alle informazioni e ai servizi, sia per ciò che riguarda le cure prestate. L'idea è quella di adottare un modello operativo basato sull'offerta attiva.
  9. Incrementare i corsi di accompagnamento alla nascita, l'allattamento al seno, il posizionamento del neonato nella culla, il corretto trasporto del bimbo in auto, l'importanza della tempestività delle vaccinazioni… attraverso i consultori.

 


Per leggere il testo completo del DdL e per maggiori informazioni sull'argomento www.ministerosalute.it.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network