Le voglie della futura mamma

Sono alterazioni del gusto dovute agli sconvolgimenti ormonali subiti dal corpo in gravidanza.

Sono tipiche della gravidanza e sono causate dalle modificazioni ormonali subite dal corpo della donna durante questo periodo che possono provocare delle modificazioni nei ricettori del gusto. Capita, così, che cibi non apprezzati prima diventino una vera e propria ossessione alimentare e alimenti fino a questo momento amati risultino intollerabili arrivando, addirittura, a provocare nausea e disgusto.
Sono le voglie, segnale tipico della gravidanza e oggetto di numerose credenze, per lo più errate, che hanno accompagnato il comportamento di intere generazioni di donne. Fino a qualche tempo fa, infatti, si riteneva che il non assecondare immediatamente questi improvvisi desideri potesse in qualche modo riflettersi sul nascituro con la comparsa di macchie, più o meno evidenti, sul corpo del bambino. Si parlava, quindi, di voglie di caffelatte, di fragola, vino… In realtà, la loro presenza al momento della nascita non ha nulla a che vedere con i 'capricci' del palato della futura mamma. Le cosiddette macchie di caffè o caffelatte, infatti, non sono dovute ad altro che a una maggiore concentrazione di melanina in quello specifico punto; le macchie rosse, invece, quelle che la tradizione popolare chiama 'voglie di fragola o vino', sono legate a piccole malformazioni dei capillari sottocutanei.


Nessun problema, perciò, ad assecondare i desideri improvvisi che potrebbero sopraggiungere nel corso dei nove mesi purché questo non influisca in modo evidente sulla dieta della donna e non comporti eccessivi aumenti di peso per lei. Soprattutto quest'ultimo, infatti, è il rischio più grave considerato anche il fatto che molte di queste 'voglie' riguardano cibi grassi che andrebbero consumati con moderazione.
Dal punto di vista psicologico, infine, la voglia può essere anche considerata una specie di coccola che la futura mamma fa a se stessa in un momento in cui ritiene di essere più bisognosa di attenzioni e in cui si sente più fragile. Ecco perché, con le considerazioni di cui sopra, andrebbe almeno in parte assecondata.

Per quanto riguarda l'eventuale intolleranza verso alcuni alimenti che potrebbe sopraggiungere nel corso dei nove mesi, anche in questo caso non c'è da preoccuparsi. Nel primo trimestre soprattutto, infatti, molte donne soffrono di nausea ed episodi di vomito. A dire il vero, in questi casi specifici, il cibo c'entra poco e sono gli sconvolgimenti ormonali a essere responsabili di questi disturbi. Si tratta di fastidi passeggeri che dovrebbero risolversi alla fine del terzo mese e che possono essere contrastati consumando pasti frequenti e leggeri a base di carboidrati (crackers, pasta, grissini, prodotti da forno…) ed evitando, invece, i cibi grassi, meno digeribili, quali insaccati, formaggi stagionati, fritti. Anche bere lontano dai pasti può rivelarsi d'aiuto in questi casi.


Nell'ultimo trimestre, quando l'utero ingrossato comincia a premere sull'apparato digerente, i disturbi più frequenti sono il reflusso gastroesofageo e la stipsi. Il consiglio in questi casi è quello di frazionare i pasti nel corso della giornata (5 o 6 al giorno), escludendo dalla propria dieta i cibi grassi e le spezie. Per contrastare la stitichezza, invece, potrebbe essere d'aiuto aumentare il consumo di acqua da bere lontano dai pasti e di fibre escludendo tutti quegli alimenti che possono provocare fenomeni di meteorismo (fagioli, cavoli, broccoli, legumi, castagne…).
Per concludere, rimanendo in tema di alimentazione durante la gravidanza, per scongiurare il rischio di contrarre la toxoplasmosi decisamente pericolosa per il feto, nel corso dei nove mesi andrebbe completamente abolito il consumo di insaccati, alimenti di origine animale crudi o poco cotti (uova, pesce, carne), i formaggi molli ottenuti da latte non pastorizzato, verdure crude non lavate accuratamente.
Soprattutto qualora si mangi spesso fuori casa, chiedere la provenienza di tutti gli alimenti ed evitare quelli a rischio.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network