Bambini più intelligenti con lo iodio in gravidanza

Soprattutto nei primi mesi della gravidanza, lo iodio è fondamentale per il corretto sviluppo dell'embrione prima e del feto poi. Una carenza di iodio, infatti, è alla base di aborti spontanei, anomalie congenite, alterazioni neurologiche e deficit mentale.

Articoli Correlati


Lo iodio è un elemento chimico che riveste un ruolo biologico fondamentale per gli esseri viventi: è, infatti, implicato nei principali processi metabolici che interessano la tiroide essendo presente nelle ghiandole tiroidee tiroxina e triiodotirinina. Il suo fabbisogno giornaliero è stato stimato intorno ai 150mcrg/die anche se difficilmente questo fabbisogno viene coperto attraverso la normale dieta. Ecco perché viene spesso consigliato, laddove ve ne sia una carenza conclamata, l’utilizzo di sale iodato che aiuta a mantenere buoni i livelli di questo elemento nell’organismo, evitando problemi di salute di cui il più grave è senz’altro il gozzo (ingrossamento del volume e del peso della ghiandola tiroidea spesso segnale di ipertiroidismo o ipotiroidismo).


LO IODIO IN GRAVIDANZA: PREZIOSO PER LO SVILUPPO SANO DELL’EMBRIONE
Come nel caso di altre sostanze, anche il fabbisogno di iodio aumenta sensibilmente in gravidanza attestandosi intorno ai 175mcrg/die.
La funzione che svolge per il buon andamento della gestazione interessa, soprattutto, il primo trimestre e i mesi che precedono il concepimento. Ecco perché è importante che le donne che stanno programmando una gravidanza ne aumentino l’introito ricorrendo, appunto, a dosi aggiuntive a quelle fornite normalmente dall’alimentazione quotidiana.

Tra le conseguenze più gravi di un deficit di iodio, aborti spontanei e incremento delle morti pre-natali, anomalie congenite, alterazioni neurologiche, deficit mentali, problemi nello sviluppo dell’embrione prima e del feto poi.
Sembrerebbe addirittura che i bambini la cui madre abbia assunto durante la gravidanza la giusta quantità di iodio mostrerebbero maggiori capacità di apprendimento e cognitive nei primi 10 anni di vita, risultando, quindi, più intelligenti dei coetanei la cui vita embrionale e fetale sia stata segnata da un basso apporto di iodio.

ALIMENTI RICCHI DI IODIO
Tra gli alimenti più ricchi di iodio, al primo posto quelli che hanno a che fare con la vita marina, pesce dunque, ma anche crostacei, molluschi e, soprattutto, alghe. Non è un caso che al mondo la popolazione che meno risente di carenza di iodo sia quella giapponese in cui è largamente diffuso il consumo di alghe.
Ne sono ricchi anche le uova, la carne, il frumento e i cereali e alcune verdure. Non tutte, però, dal momento che alimenti quali spinaci, cavoli, rape ne rallenterebbero l’assorbimento da parte dell’organismo.
Il sale iodato è, poi, fondamentale per aumentarne semplicemente il consumo laddove viene per i 2/3 sostituito al sale normale.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Gloria il 18 dicembre 2016 alle ore 18:33

    Io ho avuto due aborti spontanei in 6 mesi e quest'anno ho scoperto che la mia teroide produce poco iodio! Adesso sto assumendo la pillola di 50.! Non so se sia stata questa la causa voi che ne pensate?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network