Bump Painting: la nuova frontiera della gravidanza

É il body painting effettuato sul pancione. Una delle tendenze più più cool per le future mamme d'Oltreoceano. Le finalità sono chiaramente estetiche. Ma a quanto pare gli effetti si rivelano positivi anche per la psiche.


Dopo che star del calibro di Mariah Carey, Alanis Morisette e Hilary Duff si sono presentate in pubblico in evidente stato di gravidanza e con il pancione completamente decorato quasi si trattasse di una tela che un artista esperto avesse deciso di dipingere, la moda del bump painting si è diffusa tra le future mamme prendendo piede dapprima negli Stati Uniti e, poi, qui da noi.
Dal quinto mese in su, infatti, quando le rotondità iniziano a farsi vedere e la pelle della pancia diventa tesa e lucida, l’idea di colorarla per trasformarla in un’opera d’arte, sebbene effimera, è decisamente attraente.


I vantaggi sono innumerevoli, come sottolinea chi lo ha testato sulla propria pelle:
Innanzitutto è un modo attraverso il quale la donna impara ad accettare i cambiamenti del suo corpo e ad amarli, trasformando quello che potrebbe essere un peso, il pancione appunto, in un quadro sul quale rappresentare i propri stati d’animo.
In secondo luogo, soprattutto nei mesi estivi, l’idea di abbandonare gli odiosi vestiti premaman per indossare solo la propria nudità decorata e personalizzata è assolutamente affascinante, anche per quelle mamme più restie e mettere in mostra il pancione.

In terzo luogo, qualora i disegni fossero realizzati dal padre o dai fratellini/sorelline del bimbo in arrivo, il bump painting consentirebbe di iniziare a creare un legame tra il nascituro e quelli che saranno i suoi familiari, un legame fatto di gioco, piacere e voglia di scoprirsi.
Per la mamma, poi, l’occasione di sottoporsi a sedute rilassanti durante le quali la pancia viene leggermente sfiorata dai pennelli e colori.

Rispetto ad altri Paesi, in Italia la pratica ha soprattutto una connotazione casalinga e sono pochi gli specialisti che offrono servizi di questo tipo a pagamento. A ogni modo, per quel piccolo mercato esistente, si può dire che tra i soggetti più richiesti, fiori, piante, animali, paesaggi naturali, qualche volta personaggi televisivi o cartoni animati, facce buffe…
Ma il bimbo nel pancione qualche pericolo?
Assolutamente no. Se i colori scelti sono naturali, organici e privi di sostanze chimiche tossiche per il nascituro non ci sono problemi. Solo un bel ricordo da tenere con sé dopo la nascita e conservare fino all’età adulta.

A proposito di pancioni decorati, ricordiamo anche la possibilità di realizzare un calco decorato del proprio pancione. Ne avevamo parlato tempo fa qui. Si tratta, in pratica, di un vero e proprio calco da conservare per sempre realizzabile in casa con un apposito kit e, poi, personalizzabile secondo il proprio gusto.
Anche in questo caso, l’idea è quella di puntare l’attenzione sull’aspetto più ludico e divertente della gravidanza, trasformando le trasformazioni cui viene sottoposto il corpo in occasione per dare sfogo alla propria creatività e voglia di giocare.

L’idea del Bump Painting può essere ampiamente utilizzata durante le feste e le principali ricorrenze (Natale, Pasqua, Carnevale, Halloween…) per mandare auguri ad amici e parenti, tematizzando i soggetti scelti a seconda dell’evento (vedi foto).

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network