Come prevenire la stitichezza in gravidanza - Gravidanza - Bambinopoli




Come prevenire la stitichezza in gravidanza

La stitichezza è un problema piuttosto diffuso nei nove mesi di gravidanza che si può risolvere con uno stile di vita sano e un'alimentazione equilibrata. 


La stitichezza è un disturbo abbastanza diffuso della gravidanza che interessa numerose future mamme. Le cause sono molteplici, dovute, per lo più, ai profondi cambiamenti cui va incontro l'organismo, all'aumento dei livelli di progesterone nel sangue e all'ingrossamento dell'utero che arriva a premere contro il colon compromettendo le normali funzioni intestinali.
In realtà, per prevenirla sono sufficienti alcuni piccoli accorgimenti alimentari e uno stile di vita sana. In grado di evitare che la stipsi diventi davvero un problema.

UNA DIETA CONTRO LA STITICHEZZA
Sebbene eventuali problemi di stitichezza siano, in parte, fisiologici della gravidanza, è anche vero che la futura mamma può, con il suo comportamento, migliorare le sue condizioni e il suo stato di salute.
Un'alimentazione sana e una dieta equilibrata sono, in questo senso, fondamentali per prevenire la comparsa del disturbo.
Tra gli alimenti da privilegiare, quelli ricchi di fibra (cereali, pane e pasta integrali...) evitando, però, le fibre non solubili (per esempio la crusca) che tendono a peggiorare il problema, le verdure e la frutta ricche di cellulosa (radicchio, lattuga, kiwi, prugne, fichi...), i legumi.
Sì anche agli alimenti ricchi di acqua (lattuga, zucchine, pomodori, cetrioli, anguria, melone...) e all'assunzione di liquidi (almeno due litri) nell'arco della giornata (è bene sapere, però, che una bevanda come il tè, oltre che per l'elevata presenza di teina, una sostanza simile alla caffeina e, quindi, da consumare con cautela, ha un effetto astringente. Il consumo, quindi, in caso di stitichezza, andrebbe limitato).

SPORT. UN VERO TOCCASANA

L'attività fisica aiuta a controllare eventuali problemi di stitichezza, oltre a essere utile per tenere il peso sotto controllo.
Non occorre, naturalmente, sottoporsi a ore di estenuante allenamento in palestra. Per attività fisica, infatti, possono essere intese le camminate quotidiane (per esempio, da casa all'ufficio e viceversa laddove questo sia possibile), salire e scendere le scale evitando di prendere l'ascensore (soprattutto nei primi mesi quando la pancia non affatica eccessivamente la futura mamma), una passeggiata all'aria aperta ogni tanto.
Ottimo anche il nuoto, uno sport decisamente consigliato per i mesi di gravidanza perché non affatica la colonna vertebrale e aiuta la futura mamma a mantenersi in forma, apprendendo tecniche di respirazione che possono tornare utili durante il parto.


LASSATIVI: SOLO SU CONSIGLIO MEDICO
In linea di massima, la stipsi della gravidanza può essere tenuta sotto controllo con alcuni semplici accorgimenti, uno stile di vita sano e una dieta equilibrata.
Laddove, però, la situazione dovesse risultare più grave, compromettendo la salute della donna, è comunque preferibile evitare le cure fai da te' e rivolgersi al proprio ginecologo per la terapia più adatta.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Valigia-del-parto

La valigia del parto

Ormai manca poco. Probabilmente siete già a casa in maternità ed è tempo di preparare la valigia da portare con sé in ospedale. Ma cosa metterci dentro? Quali sono le indicazioni degli ospedali in merito? 

continua »
Movimenti-fetali

Movimenti fetali: come riconoscerli

È uno dei momenti più speciali per la futura mamma: sentire il proprio bambino che si muove nel pancione. Quando si avvertono i primi movimenti fetali? E come si riconoscono? 

continua »
Epidurale2018

Cos'è l'epidurale e come funziona?

L'anestesia epidurale è un metodo collaudato che consente alla futura mamma di annullare i dolori del travaglio e di essere perfettamente lucida e presente al momento del parto.

continua »
lotus-birth

Lotus birth: come funziona il parto integrale

Il Lotus Birth, o parto integrale, prevede che al bambino non venga staccato il cordone ombelicale dopo la nascita e che questo rimanga attaccato alla placenta finché non cade da solo in modo naturale.

continua »
Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network