Il cognome del padre? Non più obbligatorio

Via libera della Commissione Giustizia della Camera sulla proposta di legge che abolisce l’obbligo del cognome del padre per i figli. Se ne discute in Aula il 14 luglio.

Articoli Correlati


 É iniziata lunedì 14 luglio la discussione alla Camera in merito alla Legge sul cognome da dare ai proprio figli.
Il testo approvato pe ril momento dalla commissione Giustizia è composto di sette articoli, di cui i primi 4 contengono le sostanziali modifiche alla legge attualmente vigente.


Eccole nella sostanza:
  • L'articolo 1afferma che alla nascita, il figlio di una coppia di coniugi potrà prendere il cognome del padre, della madre o entrambi in base a quanto deciso dai genitori stessi. Qualora non ci fosse l'accordo, il bambino avrà il nome di tutti e due i genitori in ordine alfabetico. 
    La scelta del cognome del primogenito determina anche il cognome di tutti i figli nati successivamente al primo che porteranno lo stesso congome del fratello maggiore.

    Il bambino a cui sono stati dati entrambi i cognomi, una volta divenuto a sua volta genitore dovrù scegliere tra uno dei due, a sua scelta, da dare al figlio. Nessuno bimbo, quindi, avrà mai 4 cognomi.
     
  • L'articolo 2 legifera in merito ai figli nati al di fuori dal  del matrimonio. Se riconosciuti da entrambi i genitori, vale per questi le regole che valgono nel primo caso e che abbiamo illustrato sopra. In caso, invece, di riconoscimento tardivo, al bambino sarà dato il secondo cognome solo qualora ci sia l'accordo dell'altro genitore e del minore purché quattordicenne.
     
  • L'articolo 3 riguarda i figli adottivi e stabilisce che costoro porteranno un solo cognome, da anteporre a quello originale, scelto in comune accordo dai genitore. Se non dovessi esserci l'accordo, il cognome attribuito sarà il primo in ordine alfabetico.
     
  • L'articolo 4 prevede che coloro che avranno un solo cognome (e, data la situazione italiana si presuppone che il cognome sia quello paterno), una volta maggiorenni, potranno aggiungere il secondo congome semplicemente con una dichiarazione all'ufficiale di stato civile.

La legge, anche qualora dovesse essere approvata in questi termini, dati per scontati i tempi tecnici dell'iter burocratico, non entrerà in vigore immediatamente e il Ministero degli Interni avrà un anno di tempo per adeguare l'ordinamento dello stato civile.

NOTA DEL 17 LUGLIO 2014:
É di oggi, giovedì 17 luglio 2014, la notizia che a sorpresa Monteciptrio ha bloccato il voto sulla legge che rende non più obbligatorio il cognome del padre. 
Da quanto emerge in Aula si sarebbe verificata una forte opposizione che vedeva da un parte gli uomini e dall'altra le donne desiderose di porre fine a una concezione patriarcale della famiglia. A scatenare la polemica sembra sia stato, soprattutto, il punto che avrebbe consentito ai figli, una volta divenuti a loro volta genitori, di scegliere, in presenza del doppio cognome, quello da attribuire ai propri figli.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network