Il cognome del padre? Non più obbligatorio

Via libera della Commissione Giustizia della Camera sulla proposta di legge che abolisce l’obbligo del cognome del padre per i figli. Se ne discute in Aula il 14 luglio.

Articoli Correlati

Il cognome del padre? Non più obbligatorio


 É iniziata lunedì 14 luglio la discussione alla Camera in merito alla Legge sul cognome da dare ai proprio figli.
Il testo approvato pe ril momento dalla commissione Giustizia è composto di sette articoli, di cui i primi 4 contengono le sostanziali modifiche alla legge attualmente vigente.


Eccole nella sostanza:
  • L'articolo 1afferma che alla nascita, il figlio di una coppia di coniugi potrà prendere il cognome del padre, della madre o entrambi in base a quanto deciso dai genitori stessi. Qualora non ci fosse l'accordo, il bambino avrà il nome di tutti e due i genitori in ordine alfabetico. 
    La scelta del cognome del primogenito determina anche il cognome di tutti i figli nati successivamente al primo che porteranno lo stesso congome del fratello maggiore.

    Il bambino a cui sono stati dati entrambi i cognomi, una volta divenuto a sua volta genitore dovrù scegliere tra uno dei due, a sua scelta, da dare al figlio. Nessuno bimbo, quindi, avrà mai 4 cognomi.
     
  • L'articolo 2 legifera in merito ai figli nati al di fuori dal  del matrimonio. Se riconosciuti da entrambi i genitori, vale per questi le regole che valgono nel primo caso e che abbiamo illustrato sopra. In caso, invece, di riconoscimento tardivo, al bambino sarà dato il secondo cognome solo qualora ci sia l'accordo dell'altro genitore e del minore purché quattordicenne.
     
  • L'articolo 3 riguarda i figli adottivi e stabilisce che costoro porteranno un solo cognome, da anteporre a quello originale, scelto in comune accordo dai genitore. Se non dovessi esserci l'accordo, il cognome attribuito sarà il primo in ordine alfabetico.
     
  • L'articolo 4 prevede che coloro che avranno un solo cognome (e, data la situazione italiana si presuppone che il cognome sia quello paterno), una volta maggiorenni, potranno aggiungere il secondo congome semplicemente con una dichiarazione all'ufficiale di stato civile.

La legge, anche qualora dovesse essere approvata in questi termini, dati per scontati i tempi tecnici dell'iter burocratico, non entrerà in vigore immediatamente e il Ministero degli Interni avrà un anno di tempo per adeguare l'ordinamento dello stato civile.

NOTA DEL 17 LUGLIO 2014:
É di oggi, giovedì 17 luglio 2014, la notizia che a sorpresa Monteciptrio ha bloccato il voto sulla legge che rende non più obbligatorio il cognome del padre. 
Da quanto emerge in Aula si sarebbe verificata una forte opposizione che vedeva da un parte gli uomini e dall'altra le donne desiderose di porre fine a una concezione patriarcale della famiglia. A scatenare la polemica sembra sia stato, soprattutto, il punto che avrebbe consentito ai figli, una volta divenuti a loro volta genitori, di scegliere, in presenza del doppio cognome, quello da attribuire ai propri figli.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network