Il più bel viaggio della vita

Un viaggio breve. In termini di tempo. Ma che cambia la vita per sempre. Il viaggio in macchina dalla casa all'ospedale, negli istanti prima che il bimbo venga al mondo. Il più bel viaggio, ma anche il più terribile, pauroso, terrificante, nella vita di una donna.

di Alessia Altavilla

Le contrazioni ravvicinate e regolari (anche se non sempre è così che funziona), le acque che si rompono (anche se non sempre si rompono), la valigia già pronta da prendere al volo, gli sguardi di complicità e paura, gioia e consapevolezza che l'attesa sta per finire, con il proprio compagno. E poi la giacca infilata in fretta, l'ascensore o le scale, salire in macchina. Il peso della pancia. Gli ultimi momenti di quella pancia.
La guardi. Sapendo che a breve non ci sarà più. I pensieri vanno velocissimi. La gravidanza che sta per finire. Il timore per quello che accadrà nelle prossime ore, la speranza che sia veloce, che non sia troppo doloroso e, soprattutto, che vada tutto bene. Che il bambino stia bene. Che il suo ingresso nel mondo sia facile.



Mille pensieri. I pensieri di una futura mamma. 
Come sarà? A chi somiglierà? Cosa proverò? Cosa accadrà?

Nessun viaggio, nessun viaggio che un essere umano compie nella propria esistenza, si porta dietro una tale concentrazione di pensieri e immagini condensate e un tale cambiamento, come il viaggio per raggiungere l'ospedale negli istanti che precedono il parto.

É difficile da spiegare a chi non l'ha vissuto. Ma tutte le mamme del mondo sanno e comprendono quelle sensazioni fulminee, quell'attesa concitata. L'ultimo viaggio da 'non mamma'. L'ultima volta in due. L'ultima volta con un figlio solo sognato, immaginato, atteso.
Ogni donna, ogni mamma sa, che quando salirà nuovamente su quella macchina, senza pancia, dolorante forse, con i punti probabilmente, impacciata certamente, ogni mamma sa che non sarà più la stessa donna dell'andata.

E dopo quel primo viaggio, il più bel viaggio nella vita di una donna, un lungo percorso, una lunga strada. Fatta di salite e discese. Di successi e sconfitte. Di gioie infinite. Di felicità incommensurabile. Ma anche di stanchezza. Forse, a volte, nervosismo...
La strada di una mamma (e di un papà) è una strada contorta. Fatta di mille emozioni, di mille impegni, di mille sensazioni. 



Ford B-Max agevola le mamme in tutti i loro spostamenti quotidiani, nella praticità della vita di tutti i giorni, nella gestione dei tantissimi impegni che la nascita di un figlio comporta. Una macchina a prova di mamma. E di tutto quello che essere mamma significa.
Durante il più bel viaggio della vita.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Annuncio-gravidanza

7 modi divertenti di annunciare la gravidanza

Come annunciare l'attesa di un bimbo a parenti e amici in modo divertente e non convenzionale? Di seguito 10 consigli per farlo validi sia per la futura mamma che per il futuro papà.

continua »
Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »

Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network