Jobs Act: cosa cambia in materia di congedo parentale

Novità in fatto di congedo parentale emerse in seguito all'approvazione da parte del CdM del Jobs Act. Ecco, in cinque punti, cosa cambia. Nell'intento di rendere più semplici per i neogenitori la possibilità di conciliare famiglia e lavoro.

Articoli Correlati

Jobs Act: cosa cambia in materia di congedo parentale


Un mondo del lavoro più flessibile. In cui i neogenitori, uomini e donne che siano, possano trovare il modo di conciliare più facilmente professione e famiglia e in cui i diritti e i doveri dei genitori siano tutelati in egual misura a prescindere dal genere. Questo il sogno e la speranza di tutti nel 2015. Sogno e speranza che in Italia, al momento, sono ancora ben lungi dal realizzarsi. In parte per veri e propri buchi legislativi in materia, in parte perché un radicale e autentico cambiamento dovrebbe iniziare da una rivoluzione totale e assoluta della mentalità comune.
Il Jobs Act recentemente approvato dal CdM e i cui provvedimenti verranno attuati subito dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale non risolve il problema. Ma pone le basi per facilitare la conciliazione tra famiglia e lavoro, con provvedimenti che aumentano le possibilità di scelta dei neogenitori.


Ecco in cinque punti cosa cambia:
  1. Possibilità di chiedere il congedo parentale facoltativo retribuito al 30% fino al compimento del 6° anno di vita del figlio. Al momento la legge lo permetteva fino ai 3 anni di vita del bambino. Per quanto riguarda il congedo parentale non retribuito, la possibilità di farne richiesta è salita dagli 8 anni del bambino ai 12 per un periodo massimo di 6 mesi.

  2. Possibilità di richiedere il congedo parentale facoltativo su base orario anziché giornaliera. Rispetto a oggi, in pratica, sarà possibile usufruire della possibilità di lavorare al 50% aumentando in questo modo la durata dei mesi del congedo stesso.

  3. Maternità obbligatoria oltre i 5 mesi in caso di parto prematuro.

  4. Riduzione da 15 a 5 giorni di preavviso per ciò che concerne la richiesta di congedo parentale facoltativo al proprio datore di lavoro. Il preavviso si riduce a soli 2 giorni in caso di richiesta di congedo parentale su base oraria anziché giornaliera.

  5. Benefici normativi per i datori di lavoro che favoriscono il telelavoro per cure parentali.

Per le neomamme che stanno cercando di ricollocarsi nel mondo del lavoro, che cercano uno spazio adatto in cui conciliare la loro vita professionale e quella familiare, un posto in cui lavorare ma capace anche di accogliere il proprio bambino, maggiori informazioni qui.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network