Placenta previa. Rischi e contromisure

Cos'è la placenta previa? Quali rischi può comportare durante la gravidanza e il parto? Quali sono le contromisure per evitare problemi durante l’attesa?

Articoli Correlati

Placenta previa. Rischi e contromisure


La placenta è chiamata previa quando è installata nella parte bassa dell’utero, davanti alla parte di presentazione fetale. Se questa condizione non deve destare particolare preoccupazione nei primi mesi di gravidanza (fino più o meno alla trentesima settimana) dal momento che l’utero, aumentando di volume, tenderà a spingerla verso l’alto, con il procedere della gestazione, se la placenta non risale, è bene avere alcune accortezze per evitare problemi al feto.


SINTOMI
Si parla, appunto, di placenta previa solo con la seconda metà della gravidanza.
Il principale segnale di una simile situazione è rappresentato dal sanguinamento vaginale, con sangue di colore rosso intenso e sanguinamento indolore e, apparentemente, senza alcuna causa (raramente, infatti, si registrano contrazioni o dolore) che può essere intermittente e di diversa intensità.

Per quanto non vada sottovalutato, quindi, un sanguinamento indolore non è quasi mai sintomo di distacco di placenta ma segnale proprio di un posizionamento anomalo della placenta nell’utero.
In linea generale, perdite ematiche dovute a placenta previa non compromettono la salute del feto e non lo mettono in condizione di stress.

COSA FARE
È molto probabile che il ginecologo abbia già segnalato nelle settimane precedenti la presenza di placenta previa. Di fronte a un sanguinamento improvviso e indolore a partire dalla 28° settimana e a una diagnosi di placenta previa nella settimane precedenti è, quindi, molto probabile che non ci sia nulla di grave di cui temere e che la causa vada cercata proprio nella posizione della stessa.
A ogni modo, come sempre di fronte a episodi di perdite ematiche in gravidanza, è bene fissare una visita ginecologica che, tramite ecografia addominale e, in caso, transvaginale, accerterà o meno la presenza di placenta previa e ne classificherà la gravità secondo una scala che va da I e II grado (episodi meno gravi, spesso accompagnati da sanguinamento scarso o assente) a III e IV grado.
Nei casi meno gravi, la tendenza generale è tentare di portare avanti la gravidanza in modo naturale giungendo al termine delle settimane di gestazione e di optare per un parto vaginale.
In questi casi, di solito, alla mamma viene consigliato riposo, astensione dai rapporti sessuali e riduzione dell’attività fisica svolta.

Di fronte, invece, a una placenta previa di III e IV grado, dopo aver valutato anche l’intensità del sanguinamento, si opta di solito per un parto cesareo, talvolta anticipato per evitare sofferenze al feto.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cognome-madre

Finalmente ai figli anche il cognome della mamma

Storica la sentenza della Corte Costituzionale che si è espressa contro l'automatismo per il quale ai figli debba essere dato come standard il cognome del padre. Ecco cosa cambia.

continua »
Pilates-gravidanza-2022

3 motivi per scegliere il pilates durante e dopo il parto

Durante la gravidanza, come ha fatto la moglie di Luca Argentero. O dopo la gravidanza, come Chiara Ferragni o Belen Rodriguez. Il pilates è l'attività fisica preferita delle vip che stanno per partorire o hanno appena partorito. Perché?

continua »
Come-evitare-cadute-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
incinta-40anni

Mamma dopo i 40 anni. I pro e i contro

Circa il 20% delle donne che affrontano una gravidanza, spesso la prima, hanno più di 40 anni. I pro e i contro di diventare mamma dopo quell'età.

continua »
Cerca altre strutture