Forma allergica della cute

Orticaria: ovvero un'eruzione cutanea di colore roseo che scompare senza lasciare traccia nel giro di qualche ora ma che può diventare davvero fastidiosa. Soprattutto, nei bambini.

Articoli Correlati

Forma allergica della cute


Prende il nome dalla parola ortica una foglia che, generalmente, ha effetti… orticanti, appunto. In realtà, non solo l’ortica è causa dell’orticaria.
In effetti, l'orticaria è un'eruzione cutanea di colore roseo che non dura più di 24 ore (spesso, però, si risolve nel giro di qualche ora), che causa la comparsa di piccole macchioline il cui diametro varia da pochi millimetri a una 20 di centimetri.


Conseguenza dell’orticaria è un intenso e fastidioso prurito che interessa la zona colpita (si potrebbe trattare di qualunque parte della pelle o delle labbra).
Il meccanismo che causa la comparsa delle suddette macchioline rosse è molto semplici: alcune sostanze urticanti (istamina, citochina…) fanno sì che il sangue contenuto nei vasi sanguigni fuoriesca, raggrumandosi poi a livello della pelle e causando la formazione delle famose macchioline di cui sopra. Queste sostanze possono essere liberate da un particolare tipo di cellule presenti nella pelle, oppure essere immesse nell’organismo dall’esterno (e questo avviene, soprattutto, attraverso gli alimenti). Talvolta, l’orticaria è segnale di una vera e propria allergie.

Molto diffusa, l’orticaria è principalmente un disturbo primaverile e estivo, nel senso che saranno proprio i prossimi mesi quelli più a rischio. Circa 15.000.000 di persone in Italia ne sono vittime e di queste più di 800.000 sono bambini e ragazzi sotto i 16 anni.


A differenza degli adulti, nei piccoli l’orticaria è spesso la conseguenza di un’infezione (raffreddore, febbre alta, mal di gola, bronchite…) verificatasi nelle settimane precedenti: per contrastare il male, infatti, l’organismo mette in moto un meccanismo che facilita la liberazione delle sostanze orticanti che abbiamo descritto poco sopra cause della fuoriuscita del sangue.

In alcuni casi, però, essa non è altro che una sorta di allergia a determinati cibi o la conseguenza del contatto con sostanze presenti nell’ambiente (le ortiche, i bruchi, le meduse, i millepiedi, le farfalle…). Anche le creme, i gel, i profumi da applicare sulla pelle possono causare l’orticaria
Meno frequente nel bambino l’orticaria dovuta a cause fisiche, ossia alla spontanea liberazione da parte del corpo delle sostanze urticanti: uno dei motivi di una reazione allergica di questo tipo potrebbe essere il caldo o un’eccessiva sudorazione, l’eccessiva esposizione ai raggi solari senza precauzioni, il bagno in acque sporche e inquinate, la somministrazione di particolari farmaci.

Tra i cibi, quelli che facilitano la liberazione dell’istamina troviamo il cioccolato, i crostacei, le fragole, il pesce e i pomodori, gli alimenti inscatolati, il cavolo, i formaggi fermentati, i salumi e gli spinaci.
Cereali, kiwi, latte di mucca, arachidi, nocciole, sedano… potrebbero favorire la comparsa delle fastidiose macchioline.

Non esiste una vera e propria cura per l’orticaria: eliminarne le cause e aspettare che passi, anche se il prurito è talvolta davvero insopportabile, generalmente sono i metodi migliori per contrastarla.
Talvolta vengono somministrati farmaci antistaminici, mentre creme e gel sembrano essere inutili in quanto forniscono, di solito, un sollievo solo momentaneo.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bonus-asilo-2021

Bonus asilo 2021

Come funziona e chi ne ha diritto. Al via dal 24 febbraio la possibilità di fare richiesta all'INPS del Bonus Asilo 2021.

continua »
Abbigliamento-bambini-brand-tendenza

5 brand di abbigliamento per bambini da non perdere di vista

Per chi è stanco dei soliti vestiti per bambini tutti uguali. Dei leggins estate e inverno. Delle felpone informe, di seguito 5 brand di abbiagliamento per l'infanzia decisamente di tendenza.

continua »
Come-cambia-latte-materno

Come cambia il latte materno

Il latte materno ha una sua vitalità che gli permette di modificarsi in base alle diverse esigenze di crescita del neonato prima e del bambino poi. Dal colostro in avanti, però, mantiene stabile il valore dei suoi micronutrienti.

continua »
Sonno-neomamme

Le neomamme dormono molto meno dei neopapà

Un recente studio ha evidenziato come nella coppia di neogenitori sono le mamme quelle che dormono il numero più basso di ore. E che il ritorno a una vita notturna regolare avviene, generalmente, dopo i 6 anni.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network