Ginnastica per neonati

Non una vera e propria ginnastica. Ma esercizi ad hoc per i piccolissimi per sviluppare le loro capacità motorie.

A livello psicomotorio sono i primissimi mesi di vita quelli durante i quali il bambino apprende il maggior numero di nozioni. Basti pensare che nel giro di un anno o poco più il piccino impara a stare da sdraiato a seduto, poi a gattonare a quattro zampe e, infine, a camminare. Non è così strana, quindi, l'idea di una ginnastica specifica per il neonato, praticabile già a partire dal terzo/quarto mese, in ambienti pensati ad hoc per accoglierlo con l'aiuto di un esperto di psicomotricità dell'infanzia.
Lo scopo è quello di insegnare al bimbo, sin da subito, a prendere coscienza del suo corpo e dello spazio che lo circonda, stimolando i suoi cinque sensi e aiutandolo nel tentativo di comunicare con il mondo esterno.


È molto importante, proprio per l'età del bambino e per venire incontro alle sue esigenze, che la struttura scelta per questo tipo di attività sia pensata ad hoc e idonea allo svolgimento dei corsi. Generalmente, si tratta di grandi sale equipaggiate con i cosiddetti 'giochi evolutivi': tappetini, tunnel, grandi palle di gomma, specchi….Tutti gli attrezzi devono essere realizzati con materiali atossici in modo da evitare allergie e irritazioni e devono avere forme tondeggianti e angoli smussati. I colori devono essere accesi e netti e l'atmosfera della stanza deve essere allegra e giocosa.
Le 'lezioni', se così possono essere chiamate, hanno una durata variabile che va dai 30 minuti all'ora e la presenza di almeno uno dei genitori è quasi ovunque richiesta. Gli insegnanti, che dovrebbero essere due di cui uno esperto di psicologia infantile e l'altro di psicomotricità neonatale, guidano i piccoli alla scoperta dei materiali che li circondano, dello spazio, degli oggetti e di sé stessi attraverso 'esercizi' ora di gruppo, ora individuali da effettuare con il supporto di mamma e papà. Questi ultimi, dal canto loro, hanno la possibilità attraverso un contatto fisico costante e continuo di conoscere meglio i loro bimbi e di imparare tecniche da riutilizzare, poi, a casa da soli.
I piccini, a seconda della loro età, vengono fatto sdraiare sul ventre o sulla schiena, vengono messi seduti o a quattro zampe mentre i loro sensi (vista, olfatto, udito, tatto) vengono continuamente stimolati in mille modi (emissioni di suoni e musica da punti disparati della sala, passaggio di oggetti davanti ai loro occhi…).


Lo sviluppo della capacità motorie (coordinazione dei movimenti, maggior precisione nell'afferrare le cose, miglioramento dell'equilibrio, rinforzo della muscolatura…) dei bimbi si ottiene, quindi, proprio guidandoli attraverso l'esplorazione della realtà che li circonda. Parallelamente a un miglioramento fisico si ha, poi, la presa di coscienza di tutta una serie di nozioni fondamentali per una crescita sana e armonica (nozioni spaziali, temporali, emozionali).
Infine, ma non ultimo beneficio utile, soprattutto per quei neonati che ancora non frequentano nidi e baby parking, i piccoli hanno in questi luoghi la possibilità di socializzare con i coetanei, cosa che accrescerà la loro autostima e il loro bisogno di comunicare (nei primi mesi di vita il linguaggio usato dal bambino per esprimersi è, innanzitutto, quello del corpo. Solo dopo il bebè approda al linguaggio orale e alle parole).

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Linda il 3 maggio 2020 alle ore 06:11

    Bellissimo e utilissimo articolo!

    Sarebbe interessante sapere se cۏ qualcosa in Liguria

    Grazie

  • Commento inserito da barbara il 6 ottobre 2016 alle ore 15:21

    buona sera, sarei interessata ad avere informazioni su eventuali corsi di ginnastica neonatale in corso adesso a Roma.

  • Commento inserito da massimiliano paludi il 18 gennaio 2010 alle ore 23:29

    amore mio sei grande, ho avuto la tua stessa idea ma solo dopo 2 mesi...sei una mamma fantastica e la nostra bebè lo conferma..allora viso che non esiste facciamolo noi un posto per fare ginnastica per bambini

  • Commento inserito da ilce gonzalez il 26 novembre 2009 alle ore 17:22

    Buona sera, mi piacerebbe sapere se qui in Italia di preciso a Roma, esiste questo posto. Grazie

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture