Lacrime di neonato

Dolore, fame, sonno... Sono tutti stati d'animo e sensazioni che il neonato comunica attraverso il pianto. Come imparare a riconoscere le sue necessità.

Se già a partire dai 3 anni i bambini sono perfettamente in grado di associare il pianto ad emozioni ben precise (dolore, rabbia, paura…) comunicando a parole ciò che li tormenta, quelli più piccoli versano lacrime, sostanzialmente, per attirare su di sé l'attenzione, per richiamare i genitori (o chi si prende cura di loro) su qualcosa che li disturba e li costringe in una situazione di disagio.
I problemi insorgono soprattutto nei primi giorni che il neonato trascorre a casa, di ritorno dall'ospedale, quando mamma e papà non sono ancora capaci di distinguere i diversi 'pianti' del piccolo e si trovano spiazzati e impotenti di fronte alle sue 'urla', spesso, sovrumane. È fondamentale, invece, imparare sin da subito a riconoscere le cause del pianto del bambino, in modo da poter intervenire tempestivamente evitando fastidi e problemi a lui (anche se, lo ricordiamo, il pianto in sé non costituisce un pericolo per la salute del bebè) e a sé stessi (per un genitore, infatti, è frustrante sentire piangere il proprio piccolino disperatamente e non aver la benché minima idea di come intervenire per farlo smettere).

Tra le principali cause di pianto del neonato, la fame è senza dubbio la prima: quando un bimbo ha fame (o sete) e non viene soddisfatto piange in modo breve e ritmico aumentando l'intensità degli 'strilli' man mano che la fame aumenta. Può succedere che un neonato pianga anche subito dopo la poppata. Questo succede o perché la quantità di latte non è stata sufficiente, oppure perché il tipo di latte assunto (materno o artificiale) non è stato in grado di fornirgli il nutrimento necessario per farlo sentire sazio. In questi casi, farsi prendere dal panico non serve a nulla. Riattaccate il piccolo al seno (o al biberon) e se continua a dar segni di fame (piangendo, appunto) consultate la pediatra per capire in cosa consista il problema.


I neonati piangono anche quando si sentono bagnati. Il pianto assomiglia più a un piagnucolio che esprime fastidio: cambiare il pannolino e lavare il sederino farà cessare le lacrime all'istante.
Anche il senso di dolore (ricordate che i bimbi molto piccoli soffrono spesso di coliche) viene comunicato attraverso il pianto, lungo e prolungato accompagnato da sudorazione e movimenti convulsi (nel caso delle coliche, per esempio, i bimbi tendono a tirare le bambine in modo innaturali come se si stirassero). Col tempo, i genitori imparano a capire questo segnale e ad agire di conseguenza prendendo in braccio il piccolo, coccolandolo e massaggiandogli il pancino fino a quando il dolere cessa.

Piagnucolii lamentosi esprimono fastidio (il bimbo ha caldo, sonno, è annoiato): in tal caso è necessario capire quali possano essere le necessità del piccino in quel particolare momento, procedendo eventualmente anche per esclusione (ha già mangiato, il pannolino è asciutto…) e intervenire per alleviargli la 'sofferenza'. A volte è sufficiente prenderlo in braccio e parlargli sottovoce fino a quando si sarà calmato.
Esiste, poi, un pianto di sfogo che serve al neonato semplicemente per scaricare la tensione (a dispetto di quello che si pensa anche i bimbi molto piccoli patiscono, talvolta, lo stress, cosiddetto stress neonatale).

Dopo qualche mese i bambini cominciano a capire che il pianto è un ottimo strumento per ottenere ciò che vogliono e si servono di quest'arma per esasperare i genitori e costringerli a fare ciò che vogliono loro. Si tratta, in questi casi, di veri e propri capricci che non vanno assolutamente assecondati, onde evitare di viziare il bimbo sin da piccolo dandogli tutto ciò che vuole anche quando non è necessario. Non è, però, il caso dei neonati di pochi giorni che utilizzano il pianto solo per reali bisogni e come vero e proprio mezzo di comunicazione alternativo alle parole.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Carmela il 4 giugno 2009 alle ore 17:32

    mio figlio ha quasi quattro mesi...e piange sempre anche lui all'ora di pranzo...fa colpetti anche di tosse per attirare l'attenzione..è u n birbante

  • Commento inserito da FRANCESCA il 31 marzo 2009 alle ore 20:40

    MIO FIGLIO HA 7 MESI E OGNI VOLTA CHE PRANZIAMO URLA PER ATTIRARE L'ATTENZIONE.NON CI FA MAI MANGIARE TRANQUILLI

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
igiene-neonato-cordone-ombelicale

Primi giorni con il neonato: come disinfettare il cordone ombelicale

Nei primi giorni, tra le varie cure da prestare al neonato, c'è quella del cordone ombelicale, che dovrebbe staccarsi nell'arco di 15-20 giorni in modo naturale, ma che va disinfettato per evitare problemi.

continua »
Nomi-Maschili-O

12 nomi maschili che non finiscono in O

Per le future mamme in cerca del nome per il proprio bambino, ecco un elenco di nomi maschili che non finiscono in O.

continua »
Primi-giorni-neonato

Primo mese a casa con il bebè: 3 cose che devi sapere

Nonostante la gioia e l'emozione, il primo mese a casa con il bambino non sempre va come ci si aspetta. Ecco, dunque, 3 cose da sapere e relativi consigli per affrontare serenamente il primo periodo.

continua »
riduttore-culla

Riduttore per lettino: a cosa serve?

Utilissimo nei primissimi mesi di vita del bebè, consente di far dormire il bambino sin dai primi giorni nel lettino senza bisogno di acquistare la culla.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network