Lacrime di neonato

Dolore, fame, sonno... Sono tutti stati d'animo e sensazioni che il neonato comunica attraverso il pianto. Come imparare a riconoscere le sue necessità.

Se già a partire dai 3 anni i bambini sono perfettamente in grado di associare il pianto ad emozioni ben precise (dolore, rabbia, paura…) comunicando a parole ciò che li tormenta, quelli più piccoli versano lacrime, sostanzialmente, per attirare su di sé l'attenzione, per richiamare i genitori (o chi si prende cura di loro) su qualcosa che li disturba e li costringe in una situazione di disagio.
I problemi insorgono soprattutto nei primi giorni che il neonato trascorre a casa, di ritorno dall'ospedale, quando mamma e papà non sono ancora capaci di distinguere i diversi 'pianti' del piccolo e si trovano spiazzati e impotenti di fronte alle sue 'urla', spesso, sovrumane. È fondamentale, invece, imparare sin da subito a riconoscere le cause del pianto del bambino, in modo da poter intervenire tempestivamente evitando fastidi e problemi a lui (anche se, lo ricordiamo, il pianto in sé non costituisce un pericolo per la salute del bebè) e a sé stessi (per un genitore, infatti, è frustrante sentire piangere il proprio piccolino disperatamente e non aver la benché minima idea di come intervenire per farlo smettere).


Tra le principali cause di pianto del neonato, la fame è senza dubbio la prima: quando un bimbo ha fame (o sete) e non viene soddisfatto piange in modo breve e ritmico aumentando l'intensità degli 'strilli' man mano che la fame aumenta. Può succedere che un neonato pianga anche subito dopo la poppata. Questo succede o perché la quantità di latte non è stata sufficiente, oppure perché il tipo di latte assunto (materno o artificiale) non è stato in grado di fornirgli il nutrimento necessario per farlo sentire sazio. In questi casi, farsi prendere dal panico non serve a nulla. Riattaccate il piccolo al seno (o al biberon) e se continua a dar segni di fame (piangendo, appunto) consultate la pediatra per capire in cosa consista il problema.
I neonati piangono anche quando si sentono bagnati. Il pianto assomiglia più a un piagnucolio che esprime fastidio: cambiare il pannolino e lavare il sederino farà cessare le lacrime all'istante.
Anche il senso di dolore (ricordate che i bimbi molto piccoli soffrono spesso di coliche) viene comunicato attraverso il pianto, lungo e prolungato accompagnato da sudorazione e movimenti convulsi (nel caso delle coliche, per esempio, i bimbi tendono a tirare le bambine in modo innaturali come se si stirassero). Col tempo, i genitori imparano a capire questo segnale e ad agire di conseguenza prendendo in braccio il piccolo, coccolandolo e massaggiandogli il pancino fino a quando il dolere cessa.


Piagnucolii lamentosi esprimono fastidio (il bimbo ha caldo, sonno, è annoiato): in tal caso è necessario capire quali possano essere le necessità del piccino in quel particolare momento, procedendo eventualmente anche per esclusione (ha già mangiato, il pannolino è asciutto…) e intervenire per alleviargli la 'sofferenza'. A volte è sufficiente prenderlo in braccio e parlargli sottovoce fino a quando si sarà calmato.
Esiste, poi, un pianto di sfogo che serve al neonato semplicemente per scaricare la tensione (a dispetto di quello che si pensa anche i bimbi molto piccoli patiscono, talvolta, lo stress, cosiddetto stress neonatale).

Dopo qualche mese i bambini cominciano a capire che il pianto è un ottimo strumento per ottenere ciò che vogliono e si servono di quest'arma per esasperare i genitori e costringerli a fare ciò che vogliono loro. Si tratta, in questi casi, di veri e propri capricci che non vanno assolutamente assecondati, onde evitare di viziare il bimbo sin da piccolo dandogli tutto ciò che vuole anche quando non è necessario. Non è, però, il caso dei neonati di pochi giorni che utilizzano il pianto solo per reali bisogni e come vero e proprio mezzo di comunicazione alternativo alle parole.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Carmela il 4 giugno 2009 alle ore 17:32

    mio figlio ha quasi quattro mesi...e piange sempre anche lui all'ora di pranzo...fa colpetti anche di tosse per attirare l'attenzione..è u n birbante

  • Commento inserito da FRANCESCA il 31 marzo 2009 alle ore 20:40

    MIO FIGLIO HA 7 MESI E OGNI VOLTA CHE PRANZIAMO URLA PER ATTIRARE L'ATTENZIONE.NON CI FA MAI MANGIARE TRANQUILLI

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture