Musica: ascolto precoce

La musica contribuisce allo sviluppo delle attività cerebrali. Ecco perché l'ascolto precoce è consigliato sin dalla culla per accrescere le capacità di apprendimento dei bambini.

Articoli Correlati

Studi complessi di neufisiologia hanno messo in luce come l'ascolto della musica stimoli diverse zone cerebrali, migliorando le capacità cognitive del cervello e stimolando l'apprendimento. Questo sembra essere ancora più vero se riferito ai bambini, tanto più sei piccolissimi: l'ascolto della musica, infatti, oltre a essere piacevole e rilassante, è anche stimolante per la materia grigia che viene, in un certo senso, spinta verso una maggiore capacità di apprendimento.

 


MUSICA: LAVORO PER I DUE EMISFERI


Sempre studi recenti hanno messo in luce come la musica agisca su entrambi gli emisferi cerebrali, quello sinistro preposto all'apprendimento dei processi logico-matematici, interrogato per analizzare il ritmo e i suoni, e quello destro, responsabile dei processi creativi. Inoltre, consente l'attivazione dell'area di Brocca, coinvolta nei processi di apprendimento linguistico che verrebbe stimolata per riconoscere la sintassi musicale.



Ecco perché si può dire che la musica coinvolga l'essere umano a vari livelli e sia, in un certo senso, una disciplina completa che mette in moto capacità cognitive, linguistiche e motorie.

 
MUSICA SIN DAL CULLA


Non è mai troppo presto per avvicinare i bambini all'ascolto musicale. Già a 3 mesi, infatti, i bebè sono in grado di trarre piacere dalla musica e di 'analizzare' i suoni quasi fossero dotati di un orecchio assoluto innato (facoltà che viene persa crescendo ma che può essere coltivata con un'educazione costante all'ascolto).

Insegnare a un bimbo ad ascoltare la musica non vuol dire tenere fisso un sottofondo musicale che riempia i singoli momenti della giornata, ma proporgli brani, classici o moderni, di valore che lo rilassino, lo divertano, gli siano di conforto... Insomma, esiste una colonna sonora ad hoc per ogni bambino. E non importa che si tratti di opera, rock, jazz, country, rap... Ciò che davvero è importante è abituare il piccolo a un ascolto consapevole.

Secondo gli esperti andrebbero, invece, evitate le canzoncine create appositamente per i piccoli, i ritornelli ossessivi, le storpiature di musiche e canzoni famose.

 
A 6 ANNI: PICCOLI SUONATORI CRESCONO


Con l'ingresso alla scuola primaria i bambini sono in grado di comprendere l'armonia. È questo, dunque, il momento migliore per avvicinarli allo studio di uno strumento musicale. Lo studio della musica, infatti, li aiuta a trovare concentrazione e nuovi stimoli d'apprendimento ed è utile per sviluppare l'area del cervello preposta alle analisi logico-matematiche. Sapientemente indirizzati, infine, possono sviluppare l'orecchio relativo che serve per individuare l'intervallo tra le note.


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Abbandono-passeggino

Guida all'abbandono del passeggino

Dopo i 24 mesi è consigliato iniziare abituare il bambino a camminare da solo abbandonando gradualmente l'uso del passeggino. Alcuni consigli.

continua »
Nanna-Doudou-Neonato

Un doudou per il neonato

È il primo pupazzetto che, normalmente, si regala al neonato. Senza bottoni o parti removibili, è formato da una copertina con una testa al centro. E va posizionato nella culla del piccolo dopo che ha “raccolto” l’odore della mamma.

continua »
igiene-neonato-cordone-ombelicale

Primi giorni con il neonato: come disinfettare il cordone ombelicale

Nei primi giorni, tra le varie cure da prestare al neonato, c'è quella del cordone ombelicale, che dovrebbe staccarsi nell'arco di 15-20 giorni in modo naturale, ma che va disinfettato per evitare problemi.

continua »
Nomi-Maschili-O

12 nomi maschili che non finiscono in O

Per le future mamme in cerca del nome per il proprio bambino, ecco un elenco di nomi maschili che non finiscono in O.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network