Aprile, non ti scoprire!

Detti popolari e proverbi, si sa, nascondono sempre un fondo di verità. Questo nello specifico - Aprile non ti scoprire - sta a sottendere le alte possibilità di raffreddarsi proprio agli inizi della bella stagione. Quando la voglia di accogliere il primo caldo è tanta, ma non sempre giustificata.

Articoli Correlati

Aprile, non ti scoprire!



L'arrivo della primavera è un toccasana dopo le lunghe e gelide giornate invernali, la mancanza di luce, il freddo che mette a dura prova spirito e corpo.


La voglia di scoprirsi, di lasciarsi andare al primo tepore, al sole che rimane alto in cielo fino a tardi, all'aria fresca che entra dalle finestre aperte, è enorme. I bambini stessi sentono la necessità di liberarsi di cappotti e cappelli e correre, finalmente liberi, nei prati e nei parchi.
Eppure nulla è così comune come un raffreddore di stagione che spesso si confonde con le riniti allergiche tipiche di questa stagione.
Non è un caso che uno dei più noti e utilizzati proverbi per il mese di aprile è proprio Aprile non ti scoprire.


Come si sa, proverbi e vecchie sentenze racchiudono consigli e profonde verità. In questo caso, nulla risulta essere più vero, soprattutto quando a scoprirsi sono i bambini. I raffreddori da cambio di stagione, infatti, sono molto più comuni (e fastidiosi) di quanto si possa pensare. 
La parola chiave, quindi, è gradualità. Spogliarsi sì, ma senza fretta.
Sì, dunque, alle attività all'aperto (sfruttando il numero maggiore di ore di luce), ma avendo sempre cura di essere ben coperti, di avere con sé una felpa o una giacca leggera da indossare caso mai dovesse alzarsi il vento o le temperature dovessero improvvisamente abbassarsi (per esempio, quando va via il sole) e portando sempre dietro una giacca da pioggia se il cielo dovesse essere coperto.

In casa, si può spegnere decisamente il riscaldamento. Questo, probabilmente, abbasserà notevolmente le temperature interne che dai 20 gradi invernali potrebbero scendere anche a 18/19 gradi. Evitare, perciò, di dormire scoperti, con pigiami troppo leggeri e tessuti prevalentemente estivi. 
I piumini di medio peso sono, in questo senso, perfetti per la stagione, accompagnati da un pigiama in cotone che deve prendere il posto di quello in felpa o tessuto pesante.

Dopo un'attività fisica all'aperto è bene sempre coprirsi, per evitare che il sudore possa asciugarsi addosso mettendo a rischio la salute. E vanno evtati assolutamente spifferi e correnti d'aria.
Abbiate cura di vestire a strati i bambini anche a scuola. In modo che possano rimanere in maglietta nelle ore più calde della giornate ed essere coperti quando le temperature sono più basse (al mattino molto presto e nel tardo pomeriggio).
Va protetta soprattutto la gola, con una sciarpa leggera in cotone o un foulard.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture