Asilo nido aperto 24 su 24 a Milano

La nuova frontiera degli asili nido: apertura notturna con orario continuato 24 ore su 24. Apre a Milano il primo nido dove i bimbi potranno fermarsi a dormire anche di notte. E sul web si scatena la polemica.

Articoli Correlati

Asilo nido aperto 24 su 24 a Milano


La nuova frontiera degli asili nido si chiama Dadà. Si trova a Milano, a pochi passi dalle Colonne di San Lorenzo, e rappresenta un unicum nel suo genere: è, infatti, il primo nido italiano, aperto per bambini dai 9 mesi ai 6 anni, a offrire un servizio 24 ore su 24, con tanto di cena, nanna nottura e colazione al mattino.
Il progetto è nato grazie a un'idea della pedagogista Anna Podestà che in questo modo ha cercato di venire incontro alle esigenze di quei genitori che svolgono lavori con orari non canonici e hanno la necessità di trovare qualcuno che si occupi del bambino durante la notte: medici, infermieri, ristoratori, badanti. gestori di locali notturni, chi lavora su turni....


Per tutti costoro il servizio è già attivo e facilmente usufruibile: è sufficiente, infatti, mandare una mail alla struttura oppure telefonare inoltrando, così, la propria richiesta. Non occorre, quindi, essere iscritti al nido dal momento che il servizio notturno è disponibile per chiunque, anche eventualmente per una sola notte o un periodo limitato di tempo.
I posti disponibili in questa prima fase sono 8, destinati, però, ad aumentare in base alla richiesta.

I piccoli arrivano alla struttura intorno alle 17.30/18.00, trascorrono qualche momento con i genitori e, quindi, vengono affidati all'educatrice che li prende in carico. 
Durante la loro permanenza ricevono una cena e una colazione e vengono accuditi durante la nanna. I pannolini sono a disposizione delle famiglie. Il tutto per un costo di 90€ a notte.

Rispetto a un baby parking tradizionale (aldilà dell'apertura serale), la differenza sta nel fatto che qui è sempre presente la finalità educativa della struttura e tutti i bimbi sono sempre affidati alle cure di una pedagogista o di una psicologa con competenze, quindi, nella gestione delle principali problematiche dell'infanzia.

LA POLEMICA
Appresa la notizia, sui media e in rete si aperto il dibattito: è davvero necessario un servizio del genere?
Ma, soprattutto, non dovrebbe essere il mondo del lavoro ad andare incontro alle esigenze dei genitori, anziché questi ultimi costretti a trovare delle soluzioni in grado di far fronte alle diverse esigenze familiari e lavorative?
Asili nido H24 sono, in realtà, già una presenza forte in altri paesi, Stati Uniti e Gran Bretagna in primis. E rappresentano un aiuto fondamentale per moltissime famiglie che, altrimenti, senza la vicinanza e la disponibilità di nonni e parenti vari, non saprebbero come fare.
A questo proposito, naturalmente, sono anche tantisismi i sostenitori dell'iniziativa, coloro che pensano che i servizi per l'infanzia non solo sia fondamentali, ma andrebbero anche rivisiti e ripensati tenendo presenti quelle che sono le reali difficoltà che ogni famiglia incontra nel momento in cui in casa arriva un bambino.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Manuela (redazione) il 3 aprile 2015 alle ore 10:28

    Gentile signor Fabrizio. Questo è un articolo di marzo 2014. Quindi non recentissimo.

    A ogni modo, se la sua struttura è precedente, mi scuso per l'inesattezza.

    Diciamo allora che questo è il primo nido aperto 24 ore su 24 a essere riuscito a fare una comunicazione ufficiale e capillare su tutti i media e i canali rivolti al settore infanzia.

    Possiamo anche informarci. Ha ragione.

    Voi, però, dovreste rendere le informazioni relative ai vostri servizi accessibili a tutti attraverso comunicati stampa, campagne web ad hoc (anche sui social media....).



    Le informazioni attingono dalle fonti. Se la fonte è secca, difficilmente l'informazione è un fiume in piena

    Buona lavoro

    Manuela Magri

  • Commento inserito da Fabrizio Casavecchia. - Asilo nido. Le Tate il 3 aprile 2015 alle ore 02:23

    Non è assolutamente vero che questo asilo sia la prima struttura in Italia ad offrire il servizio h24 dal momento che la mia struttura svolge servizio notturno già da due anni...


    Informarsi prima di scrivere.


  • Commento inserito da Gianna il 1 luglio 2014 alle ore 14:53

    Magari ci fossero anche a Livorno nidi così! Io lavoro su turni e spesso mi capita di fare la notte. E non so mai a chi lasciare il bimbo (io e il papà del bambino siamo separati). Così chiamo una baby sitter. Ma mi costa un occhio della testa. Perché trattandosi di orario notturno si fa pagare il doppio. Bel servizio

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture