Come si pulisce il passeggino

Esposti costantemente ad agenti atmosferici, smog e all'uso quotidiano, passeggini, carrozzine e seggiolini auto vanno, di quando in quando, puliti e disinfettati per la salute del bimbo. Come fare.

Articoli Correlati



Se la nascita di un bimbo comporta una maggiore attenzione per ciò che concerne la disinfezione degli ambienti domestici e della sua biancheria (non a caso é proprio l'arrivo di un neonato che, spesso, influenza l'acquisto di prodotti igienizzanti e antibatterici che, presumibilmente, non erano mai stati utilizzati prima), la stessa cosa non si può dire per la pulizia e la disinfezione del 'mezzo di trasporto' che lo accompagna in giro: carrozzine, passeggini, seggiolini auto.


Sebbene siano continuamente esposti all'azione di agenti atmosferici (pioggia, neve, vento.), dello smog e di agenti inquinanti (i gas di scarico delle auto, per esempio) e alla presenza del bambino (che qui mangia, succhia, beve, sgranocchia, fa la pipì o la cacca.), difficilmente mamma e papà  vi dedicano più di una pulita sommaria.
Per il benessere del piccolo, invece, almeno una volta al mese, andrebbero disinfettati di tutto punto e lavati secondo le istruzioni riportate nel libretto (se non é andato perduto).

 


IGIENE E PULIZIA DEL PASSEGGINO: LINEE GUIDA GENERALI

CONSIGLI GENERALI
Per quanto possibile, onde evitare che il mezzo invecchi prima del tempo e non sia più utilizzabile, per esempio, nel caso di arrivo di un secondo bimbo, evitate di lasciarlo sotto le intemperie (pioggia o neve) o il sole cocente (che potrebbe scolorire i colori). Quando possibile, quindi, abbiate cura di proteggerlo riponendolo all'ombra o sotto un telo in plastica o, comunque, una tettoia.
Se passeggino (o carrozzina) si bagnano, é bene asciugarli quanto prima per evitare che le parti metalliche si arrugginiscano e le parti in stoffa (se ve ne sono) marciscano.
IL TELAIO
Il telaio va pulito con un panno umido e prodotti non abrasivi. Le parti in metallo vanno asciugate immediatamente, come dicevamo sopra, e vanno controllate le ruote nel caso in cui sia necessario, di quando in quando, gonfiarle per evitare che si buchino (non tutti i passeggini o le carrozzine presentano questo problema).
è anche consigliabile controllare ogni tanto i meccanismo che regolano il movimento e la frenata, regolandoli quando necessario.
LE PARTI IN TESSUTO
Sono le parti che 'contengono' il bambino e per questo dovrebbero godere di un buon livello igienico. Spesso, invece, vi si trova dentro di tutto: briciole, macchie di cibo o bevande.. Tutto ciò, unito all'azione degli agenti atmosferici e dello smog, rendono queste parti veri e propri ricettacoli di batteri. Almeno una volta alla settimana, quindi, sarebbe utile pulirle con una spazzola o, addirittura, con un'aspirapolvere per eliminare tutti i residui alimentari. Poi, per un'igiene più profonda e sempre seguendo le istruzione contenute nel libretto, la seduta e andrebbe smontata e lavata con acqua e detersivo (generalmente a basse temperatura ed evitando risciacquo e centrifuga).
Infine, potreste proteggere il vostro passeggino (o culla o seggiolino) utilizzando un telo di spugna decisamente più semplice da tenere pulito.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Soffocamento-cibi-pericolosi

Come prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica

Ecco le linee guida per prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica secondo le indicazioni del Ministero della Salute. 

continua »
osteopatia_neonati

Dall'osteopata: quando e perché

Dopo la nascita può essere utile portare il bambino dall'osteopata soprattutto se il parto è stato particolarmente lungo e difficile, se il piccolo presenta difficoltà motorie, è irritabile o soffre di coliche.

continua »
Danza-in-Fascia

Danza in fascia

Danza in fascia è un progetto nato per migliorare il rapporto delle neomamme con i loro bambini attraverso una serie codificata di lezioni di danza a due.

continua »
Statistiche-nido

Asilo nido. Qual è la situazione italiana?

I Italia, solo un bambino su 4 riesce a frequentare il nido. L'obiettivo europeo è che almeno un terzo dei bimbi sotto ai 3 anni possa essere accolto.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network