Di materno avevo solo il latte

In libreria dal 5 giugno, un libro che parla della gioia dell’essere mamma. Beh, a dire il vero non proprio. Parla di quanto possa essere faticoso essere mamma quando si è gelosi della propria indipendenza.

Articoli Correlati

Di materno avevo solo il latte



Approdato in libreria in edizione tascabile, Di materno avevo solo il latte di Deborah Papisca è un ironico e autobiografico racconto che affronta più che le gioie della maternità, le ansie che questa può provocare in una donna innamorata della sua indipendenza che si ritrova improvvisamente incinta.
Il libro, edito da Dalai Editore, si inserisce nel filone che potremmo definire Ma che davvero?, dal nome dell’omonimo blog, divenuto poi un libro di successo con il titolo Quello che le mamme non dicono scritto da Chiara Cecilia Santamaria che ha, nei confronti dell’essere mamma, un approccio molto simile, anche se in questo caso il tema affrontato è duro e difficile: la depressione post partum.
Il concetto di fondo è, però, il medesimo: una specie di rovescio della medaglia. Il lato oscuro di quello che in massa viene definito “l’evento più bello del mondo”, la cosa più meravigliosa che possa accadere a una donna: diventare madre.


 
LA STORIA

Deborah è una donna forte, indipendente, con una vita piena di cose e interessi. La maternità è l’ultimo dei suoi pensieri. Anche perché, in passato, le è stata diagnosticata l’impossibilità del concepimento. E, invece, improvviso come tutti i miracoli, il miracolo arriva. I nove mesi di attesa sono per Deborah gioia pura. Su un’agendina di finto coccodrillo annota sogni e bisogni e cede al richiamo della temibile Sindrome del Mulino Bianco. Ma ecco il fatidico momento del ritorno a casa dall’ospedale, quando, turbata da inaspettate sensazioni, digita su Google le parole chiave maternità + pianto incontrollato + avrei voluto non essere mai nata + non pensavo che la vita fosse così di merda e scopre di soffrire di Dpp, depressione post-parto.


Incapace di provare sentimenti per sua figlia e terrorizzata all’idea di non essere mamma nel Dna, Deborah si ritroverà alle prese con un viscido serpentello – proiezione mentale del suo malessere – che le strapazzerà i neuroni mostrandole un lato oscuro della maternità fatto di angosce e paure. Verrà soccorsa dal suo angelo custode – la forza di volontà – che riuscirà a spingerla a un efficace contrattacco. Dopo impervie riflessioni, faticose conquiste dei ritmi quotidiani, melodrammatiche ma benefiche sedute terapeutiche con uno stoico quanto misterioso maestro di yoga, «contorsionismi» purificatori e la scoperta del mondo delle mamme online, Deborah sperimenterà nuove dimensioni e prospettive di questa irripetibile dis(avventura), ma soprattutto capirà, grazie a una bizzarra catarsi, che anche lei di materno ha molto più del latte.

 

DI MATERNO AVEVO SOLO IL LATTE
Di Deborah Papisca
Dalai editore, 2012
Costo 8,90€


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
passeggiateinvern_cv

Passeggiate invernali

Una passeggiata nel parco nelle giornate fredde anche con bambini di pochi giorni di vita, Prendendo tutte le precauzioni del caso.

continua »
foto per sito mammecreative (1)

Come scegliere il biberon giusto

La scelta del biberon giusto è una decisione cruciale per ogni genitore. Questo strumento, apparentemente semplice, gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo e nel benessere del neonato. 

continua »
babysitter_cv

10 domande per la baby sitter

Cercate una baby-sitter? Ecco una lista di domande per il colloquio, sulle cose che è necessario sapere prima di assumere una persona che passerà molto tempo con vostro figlio.

continua »
rumorebianco_cv

I neonati e il rumore bianco

Costante, leggero, ripetitivo, il rumore bianco è un suono in grado di conciliare il sonno e rilassare la mente. Funziona sia con i grandi che con i piccini, ma è formidabile con i neonati che sembrano trovare subito calma e tranquillità.

continua »
Cerca altre strutture