Dietro le sbarre... ma per sicurezza

Chiusi in una specie di recinto, i bimbi cominciano a esplorare il microcosmo che li circonda. Senza pericoli. Ma il box (e il girello) sono veramente utili?

Articoli Correlati

IL GIRELLO
Perché sì:


 
  • consente al bambino di sgambettare libero per casa anche quando mamma e papà sono impegnati e non possono stargli dietro e seguirlo nei suoi movimenti.
    Perché no:

     
  • interferisce sul corretto sviluppo psicomotorio del piccolo.
  • Favorisce una deambulazione scorretta costringendo il neonato a una scomoda posizione in punta di piedi prima del raggiungimento dell'equilibrio plantare.
  • Gli impedisce di sperimentare qualche caduta e di sviluppare un corretto senso dell'equilibrio.
  • Blocca la libertà di movimento e di esplorazione del bimbo che, così imbracato, non può toccare e afferrare gli oggetti che gli si pongono davanti durante le sue passeggiate casalinghe.
  • Non consente al bebè di sviluppare un normale senso della prudenza: il piccino, infatti, deve imparare, oltre a camminare e a stare in piedi, anche a cadere e conoscere i propri limiti.
  • Può essere pericoloso se in casa sono presenti scale.
    Un girello a norma:
     
  • non deve ribaltarsi se il bambino si sporge in avanti.
  • Le parti in metallo devono essere ricoperte con un'imbottitura in tessuto o in plastica. In quest'ultimo caso il materiale utilizzato deve essere assolutamente atossico dal momento che è molto probabile che il piccino ci appoggerà la bocca.
  • Il sedile deve essere imbottito anche in questo caso con materiale atossico.
  • La struttura deve essere solida, ma flessibile nello stesso tempo per evitare che si rompa nel caso in cui il bebè vada a sbattere contro un ostacolo duro.
  • È fondamentale che il sistema frenante sia realizzato in modo tale da bloccare il girello quando le ruote non sono più a contatto con la superficie, ossia in presenza di scale e gradini.
    Se decideste di utilizzare il girello, comunque, non prima che il bimbo abbia compiuto i 4-5 mesi.

     

    IL BOX

    Perché sì:
     

  • consente ai genitori di lasciare il bambino da solo senza mettere in pericolo la sua incolumità.
  • Se utilizzato nel modo corretto (solo per brevi periodi nell'arco della giornata, con mamma e papà sempre più o meno presenti, cambiando di tanto in tanto i giocattoli in modo che il piccolo possa proseguire le sue esplorazioni del mondo) può trasformarsi per il neonato in un territorio tutto suo, in cui giocare e imparare a conoscere il mondo, anche se da una prospettiva limitata.
    Perché no:
  • È una comoda scappatoia per i genitori che non hanno voglia o tempo di giocare e stare dietro al loro bambino.
  • Impedisce al piccolo di partire alla scoperta del mondo con le sue gambe.
  • Se utilizzato in modo troppo frequente, ritarda l'inizio della deambulazione.
  • Può essere vissuto dal bebè come una sorta di isolamento dalla famiglia: per questo è fondamentale che i genitori, anche quando sono distanti, impegnati nelle loro faccende, facciano sentire al bambino la loro presenza, chiamandolo di tanto in tanto, canticchiando ad alta voce, giocando con lui per la maggior parte del tempo in cui rimane chiuso nel box.
  • Non deve diventare l'unico spazio consentito al bimbo. Se, infatti, è stato acquistato per ragioni di sicurezza, ricordiamo che in presenza di un neonato, tutta la casa (o, quanto meno, la sua stanzetta) dovrebbe essere trasformata in un grande box, limitando eventualmente l'accesso al piccolo solo a quelle stanze in cui la presenza di oggetti pericolosi (detersivi, ferro da stiro, fornelli…) potrebbero mettere a rischio la sua sicurezza.
    L'alternativa:
  • Trasformare la cameretta del bambino in un box enorme con tutti i giocattoli e le cose di cui ha bisogno per cresce a portata di mano
  • Una grande coperta sulla quale appoggiare il bambino per giocare insieme.
    Un box a norma:
     
  • Le maglie della rete dovrebbero essere abbastanza fitte da impedire che il bimbo possa infilarvi dentro la testina
  • L'altezza delle sponde dovrebbe essere tale da impedire al bambino, alzandosi in piedi, di cadere dall'altra parte o di scavalcare le sponde.
  • Le parti metalliche dovrebbero essere completamente rivestite in materiali morbidi e atossici. Stessa cosa dicasi per il pavimento.
  • La struttura dovrebbe essere a prova di urti e spinte affinché una volta aperto il box non traballi.
    Se decideste di acquistarne uno per la cameretta del neonato, non prima dei 6 mesi.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
NumeroBambiniItalia

Italia: un Paese di vecchi

Secondo l'ultimo rapporto ISTAT, diminuiscono ancora il numero di nascite in Italia che è, ormai, ai minimi storici. L'età media è 45 anni.

continua »
Corso-tagersmutter

A Milano corso per diventare Tagersmutter

Viene presentato oggi 30 gennaio il Corso di formazione Professionale Tagersmutter 2018. Alle ore 18.00 presso la sede di Baby 360.

continua »
Saporiforti

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

continua »
laika_zelia_home

Super compatto senza limiti o essenziale in città?

Laika o Zelia? Ecco gli ultimi due passeggini entrati a far parte della famiglia Bébé Confort.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network