Psicomotricità infantile: a cosa serve

Spesso consigliata in caso di problemi neuropsichiatrici o quando ci sono dei rallentamenti nello sviluppo, la psicomotricità è una disciplina che punta al potenziamento dello sviluppo del bambino.

Articoli Correlati

Psicomotricità infantile: a cosa serve



La psicomotricità è una disciplina che può essere svolta a casa, a scuola o presso strutture apposite, che riguarda l’ambito socio-educativo. Il principio che la sottende non è tanto quello dell'atitvità sportiva in senso stretto, ma di un approccio globale al benessere del bambino attraverso una serie di esercizi che mettano assieme la dimensione ludica, lo scambio e l'interazione. Non si tratta, quindi, di un intervento clinico-sanitario, ma di un intervento psicomotorio adatto a tutti i bimbi e particolarmente consigliato nel caso di bambini che presentano ritardi cognitivi, deficit dell'attenzione, scarsa fiducia in se stessi.


A CHI È ADATTA

La psicomotricità può essere proposta a qualsiasi bambino e spesso rientra nell'offerta educativa di alcuni asili nido e scuole dell'infanzia. L'idea, appunto, è quella di favorire la crescita e lo sviluppo armonico del bambino attraverso l'integrazione di diverse funzioni: motoria, emotiva, intellettiva e sociale. I piccoli, accompagnati da un istruttore, sono invitati a svolgere semplici esercizi con o senza attrezzi e a interagire tra loro migliorando così anche le capacità relazionali.



RAFFORZA L'AUTOSTIMA E LA FIDUCIA IN SÈ

L’approccio psicomotorio rinforza i processi di individuazione, di socializzazione e creatività e aiuta il bambino a esprimere la propria emotività individuando nel corpo e nel movimento uno strumento di mediazione con ciò che lo circonda. In questo modo vengono attivate le risorse specifiche di ciascun bambino attraverso esperienze emotive e relazionali positive in un contesto di prevenzione e non di terapia. L’attività motoria diventa, quindi, educazione e scoperta delle proprie potenzialità.
Nel caso di bambini con deficit in alcune funzioni quale l’attenzione, la coordinazione, la comunicazione o specifici dell’apprendimento, l’intervento deve essere svolto da un tecnico della riabilitazione che abbia competenze specifiche in relazione alle funzioni compromesse o non ancora emerse. Questa figura professionale lavora in sinergia con una equipe multidisciplinare che comprende altri clinici come il medico o lo psicologo.

LA PSICOMOTRICITÀ TERAPEUTICA

Nelle patologie più complesse quali autismo, ritardo mentale o patologie neuromotorie l’approccio neuropsicomotorio dovrà interfacciasi con altri interventi specifici legati ai diversi contesti di vita del bambino svolti da altre figure professionali quali insegnanti di sostegno, educatori, assistenti sociali e psicologi, in modo da favorire l’emotività, la socializzazione,l’ integrazione scolastica, l’autonomia nella vita quotidiana.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
VRS-VirusRespiratorioSincinziale

RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

continua »
Cerca altre strutture