Rigurgito neonatale

Disturbo assai comune tra i lattanti nei primi mesi di vita, indipendentemente dal fatto che siano allattati al seno o con il biberon, il rigurgito (o reflusso) del neonato interessa quasi tutti i bambini e può ripetersi anche più volte al giorno. Cause e suggerimenti per affrontarlo.

Articoli Correlati

Rigurgito neonatale



Sebbene le parole rigurgito e reflusso vengano usate indistintamente per indicare la stessa cosa, va subito precisato che, in realtà, una piccola differenza tra le due esiste.
Il reflusso gastroesofageo è il passaggio del contenuto gastrico nell’esofago. Il rigurgito, invece, è lo stesso fenomeno che si evidenzia, però, attraverso l’uscita del contenuto liquido (il latte) attraverso la bocca.
Si tratta di un fenomeno piuttosto diffuso tra i lattanti che, nella maggior parte dei casi, non deve minimamente preoccupare i genitori né, tanto meno, deve essere affrontato farmacologicamente (da evitare anche medicinali omeopatici, aggiunte nel latte).


Le cause, infatti, sono per lo più fisiologiche:
  • i lattanti hanno un’alimentazione esclusivamente liquida (non è un caso che reflussi e rigurgiti scompaiano del tutto o quasi con lo svezzamento).
  • Passano la maggior parte del loro tempo in posizione sdraiata.
  • Il cardias, la valvolina che regola il passaggio del cibo dallo stomaco all’esofago, non è ancora pienamente sviluppato. Questo fa sì che parte del latte ingurgitato durante le poppate passi facilmente all’esofago causando, appunto, la fuoriuscita del cibo.


Riflusso e rigurgito interessano indistintamente bambini allattati al seno e bambini allattati artificialmente. Per questi ultimi, però, esiste la possibilità, su consiglio del pediatra, di ricorrere a latti appositi, leggermente più densi di quelli formulati.

COME MIGLIORARE LA SITUAZIONE E PREVENIRE IL RIGURGITO
È risaputo che dopo la poppata andrebbe evitato di mettere immediatamente il bambino in posizione sdraiata. Il faoso ruttino indica il tempo necessario per tenerlo in posizione eretta. Questo andrebbe fatto anche durante le poppate notturne per evitare che il piccolo possa avere un reflusso in posizione sdraiata e senza che nessuno abbia modo di rendersene conto.
Un altro consiglio è quello di effettuare delle pause durante la poppata in modo che la quantità di latte venga distribuita in un arco di tempo maggiore.

Esistono complicanze gravi per bambini che soffrono di reflusso e che spesso sono causa di ricoveri e monitoraggi notturni (nei casi più gravi, infatti, il reflusso può essere responsabile di blocchi respiratori, apnee notturne….). In questi casi, è consigliato rivolgersi immediatamente a un medico per stabilire insieme la terapia migliore e i comportamenti più adatti per aiutare il bimbo (e i genitori) ad avere una vita quanto più normale possibile.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Valentina il 10 febbraio 2017 alle ore 17:09

    La mia bimba spesso rigurgita delle volte mi chiedo se in pancia le rimane qualcosa

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
passeggiateinvern_cv

Passeggiate invernali

Una passeggiata nel parco nelle giornate fredde anche con bambini di pochi giorni di vita, Prendendo tutte le precauzioni del caso.

continua »
foto per sito mammecreative (1)

Come scegliere il biberon giusto

La scelta del biberon giusto è una decisione cruciale per ogni genitore. Questo strumento, apparentemente semplice, gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo e nel benessere del neonato. 

continua »
babysitter_cv

10 domande per la baby sitter

Cercate una baby-sitter? Ecco una lista di domande per il colloquio, sulle cose che è necessario sapere prima di assumere una persona che passerà molto tempo con vostro figlio.

continua »
rumorebianco_cv

I neonati e il rumore bianco

Costante, leggero, ripetitivo, il rumore bianco è un suono in grado di conciliare il sonno e rilassare la mente. Funziona sia con i grandi che con i piccini, ma è formidabile con i neonati che sembrano trovare subito calma e tranquillità.

continua »
Cerca altre strutture