Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

Articoli Correlati

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?


Il dibattito sull'alimentazione della mamma durante l'allattamento è aperto. Da anni, infatti, si discute su quali alimenti, sempre che ce ne siano, andrebbe limitato il consumo o che andrebbero eliminati completamente dalla dieta. E questo, da una parte per evitare di alterare il sapore del latte; dall'altro per limitare l'esposizione precoce del bambino agli antigenti, spesso responsabili di allergie e intolleranze alimentari negli anni successivi.


A dire il vero, la posizione dell'OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità sull'argomento è diversa: nelle prevenzione primaria delle allergie, infatti, tutte le linee guida pubblicate finora consigliano di effettuare prevenzione solo in caso di genitori entrambi allergici escludendo, però, dalla dieta solo le arachidi.

  VERO E FALSO

In proposito molte credenze sono state sfatate, in particolare dalle associazioni che promuovono l'allattamento al seno come fonte primaria di nutrimento per il bambino.

Nello specifico, viene sfatato totalmente il mito che il bambino sia infastidito dal sapore forte del latte quando la mamma ha mangiato cibi con un gusto forte (aglio, cipolle, asparagi, peperoncino...) e il fatto che il latte materno diventi 'cattivo' quando la mamma si arrabbia o durante il ciclo mestruale.

D'altra parte, dipendendo l'alimentazione di un individuo, soprattutto, da fattori culturali e ambientali, sembra poco probabile che alcuni cibi (largamente utilizzati presso alcune popolazioni o aree geografiche) possano compromettere il sapore del latte e, di conseguenza, il buon andamento dell'allattamento stesso.

In altre parole, l'atteggiamento generale oggi nei confronti delle donne che allattano è quello di lasciarle abbastanza libere nella scelta della propria dieta, aiutandole, invece, a scoprire il piacere per l'allattamento insegnando loro il modo corretto per farlo.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Cerca altre strutture