Ginnastica per sciatori

Per chi affronterà nei prossimi giorni le prime discese sulla neve, una ginnastica preparatoria allo sci, fondamentale per arrivare allenati in pista evitando gli infortuni.

Articoli Correlati

Ginnastica per sciatori


Molti gli Italiani che hanno scelto la montagna per le loro vacanze di Natale, mentre aumenta il numero di appassionati che si recheranno a sciare nei prossimi mesi, in giornata (i classici sciatori della domenica), per un weekend o per l’intera settimana.
Come tutti gli sport, però, anche lo sci richiede una buona preparazione atletica e una discreta forma fisica, non solo per migliorare le proprie prestazioni in pista, ma anche per evitare e prevenire eventuali infortuni e incidenti che possono verificarsi in montagna a seguito di cadute che, il più delle volte, avrebbero potuto essere facilmente evitate.
Ecco, dunque, che la ginnastica pre-sciistica, sempre più spesso proposta nelle palestre e nei centri sportivi, diventa un aiuto fondamentale per gli appassionati sciatori e per coloro che trascorreranno in montagna le loro future vacanze.


A COSA SERVE
La ginnastica pre-sciistica ha sostanzialmente due scopi: l’allenamento fisico in modo da poter affrontare l’impegno sciistico nel migliore dei modi e la prevenzione di fratture e incidenti provocati da cadute che avrebbero potuto essere evitate con una migliore preparazione atletica.


A dispetto, infatti, di quello che si potrebbe pensare, lo sci è uno sport molto intenso che richiede un’ottima forma fisica e non è assolutamente pensabile l’idea di affrontare impreparati gli sforzi intensi richiesti da una settimana sugli sci.
Ecco, dunque, che una buona ginnastica pre-sciistica dovrebbe avere come obiettivo quello di migliorare le capacità cardio-respiratorie, rafforzare la muscolatura delle gambe e rendere più fluidi e sciolti i movimenti.
Gli esercizi specifici, poi, devono essere correlati da un buon allenamento aerobico, per esempio la corsa (almeno 20 minuti al giorno), lo step (15 minuti tutti i giorni), la cyclette.

QUALCHE CONSIGLIO
Le prime discese in pista servono per prendere confidenza con la neve e abituare il fisico allo stress cui verrà sottoposto.
Nei primi giorni, quindi, è bene mantenere un ritmo piuttosto blando cominciando con discese non troppo complicate per aumentare via via l’intensità, lo sforzo e la difficoltà nei giorni successivi.
Qualora, poi, i muscoli delle gambe dovessero iniziare a indolenzirsi e a far male, meglio smettere di sciare e riprendere il giorno successivo dal momento che molte cadute sono causate da affaticamento più che da effettiva incapacità ad affrontare la discesa o la curva.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Winnie-The-Pooh-House

Chi vuole dormire nella casa di Winnie The Pooh?

Per tutti i bimbi che amano o hanno amato le avventure di Winnie The Pooh, una grande notizia. In Gran Bretagna è stata ricostruita la sua casetta nel bosco ed è disponibile per chi desidera soggiornarvi. 

continua »
Breslavia_Home

Viaggio in Polonia: la nostra esperienza

Non è un viaggio da tutti i giorni e in questo periodo lo è ancora meno. Ma oggi - cosa che non facciamo mai - partiamo da un'esperienza personale assolutamente positiva. Due setitmane in giro per la Polonia con una bambina di 8 anni.

continua »
Venezia-bambini2020

Venezia in un giorno. Con i bambini

Qual'è il momento migliore per visitare Venezia?  Ecco un itinerario perfetto per una giornata alla Serenissima con i bambini.

continua »
Green-Pass

Covid: come cambiano le regole dal 5 agosto

Rese note le misure messe in atto dal Governo per contenere la diffusione del virus ed evitare nuove chiusure in autunno. Entreranno in vigore a partire dal 5 agosto.    

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network