Un bagaglio tra i tanti: la cartella

Prima di partire per le vacanze, cosa mettere nella cartella di scuola per non portarsi dietro cose inutili?

Tutto pronto per la partenza. Avete controllato e ricontrollato la lista di quello che vi porterete, escludendo man mano le cose inutili, quelle superflue, quelle troppo pesanti o scomode da trascinarsi dietro… E la cartella di scuola? È proprio il caso di portarla, o meglio lasciarla a casa, prendendo solo qualche quaderno e una penna per scrivere?

Beh, questo dipende dal tipo di vacanza che vi attende. Chiaro che se la vostra meta è la foresta amazzonica, meglio evitare di appesantirvi con qualcosa di ingombrante e, in quel contesto, privo di qualsiasi funzionalità.


Ma partire inserendo nell'elenco delle cose da portare anche lo zainetto col diario, l'astuccio, i libri… significa dare un peso a queste cose e, in modo implicito, comunicare al bambino che anche in vacanza dovrà compiere il suo dovere e impegnarsi nei suoi compiti estivi.

Il tutto starà, quindi, nel capire cosa infilarvi e cosa lasciare fuori:
 


  • il diario, sicuramente, soprattutto se sul diario l'insegnante ha fatto segnare le esercitazioni da eseguire e le lezioni da ripassare. Se si tratta di poche righe, eventualmente, copiate su un foglio quanto vi serve e infilatelo nell'ultima pagina del libro delle vacanze.
  • L'astuccio non è strettamente necessario, a meno che il piccolo debba colorare, disegnare, tagliare, incollare…. In quel caso dovreste procurarvi tutto il materiale necessario nel luogo di villeggiatura, cosa che, in ogni caso, non avrebbe comunque senso perché vi ritrovereste con inutili doppioni al vostro ritorno a casa. Se, invece, siete sicuri che il bambino userà solo una penna e la matita, lasciate a casa tutto il resto, ma badate bene di avere la scorta delle cartucce se si tratta di una stilografica, la gomma per cancellare e il temperino. Riducete, così, l'astuccio mettendo il tutto in una bustina più piccola.
  • Scontato dirlo, il libro delle vacanze, strumento indispensabile per lo svolgimento dei compiti.
  • Per quanto riguarda i quaderni, portate solo quelli necessari per scrivere le esercitazioni e i quaderni delle regole, nel caso in cui il piccolo non ricordi qualcosa e abbia bisogno di un ripasso veloce.
  • Inutili il libro di lettura e, spesso, anche il sussidiario, sempre che, come nel caso precedente, siano presenti delle regole necessarie per eseguire gli esercizi.
  • Cartellette, fogli da disegno, quadernoni ad anelli ecc. sono assolutamente superflui. Meglio, quindi, evitare di appesantire la cartella e toglierli prima di partire.
  • A casa anche colori speciali, tempere, la scatola completa dei pennarelli e delle matite…. A meno che non vogliate impegnare il piccolo in attività di laboratorio casalingo. In quel caso, fate in modo di inserire nella lista solo quello che vi è strettamente necessario.

     

    Per responsabilizzare il bambino e fargli capire che la preparazione della cartella è una cosa che lo riguarda personalmente, lasciate che sia lui a decidere cosa è meglio portare e cosa, invece, non gli servirebbe, controllando, senza che lui se ne accorga le scelte che ha operato. In questo modo, eviterete che vi accusi di eventuali dimenticanze.


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
partenza1

Partire a settembre...

Costi ridotti, poco traffico per le strade e località turistiche quasi deserte... Per chi ne ha la possibilità settembre è un ottimo mese per partire. Anche solo per qualche giorno.

continua »
42854244_m

Una vacanza portoghese

Proposta di viaggio per tutta la famiglia a Lisbona e dintorni. Tra delfini, marionette, squali alla scoperta di una delle capitali meno conosciute d'Europa.

continua »
Trebesing

Trebesing: il primo paese per bambini in Europa

Vacanze formato famiglia? A Trebesing, in Carinzia, piccola località austriaca che vanta il titolo di primo paese per bambini e neonati in Europa. Con tanto di family hotel, attività per i più piccini nel centro storico e sentiero delle favole. Località perfetta sia per le vacanze invernali che per quelle primaverili ed estive.

continua »
balena_hp

Quebec con i bambini

Nel Quebec c’è una strada chiamata “la strada delle balene', una lunga distesa d'acqua che diventa in estate il loro habitat ideale

continua »
Cerca altre strutture