Il diario delle vacanze

Tirare le somme insieme a tuo figlio della vacanza appena passata, gli insegna a riflettere sulle cose nuove che ha sperimentato e consente a te di conoscerlo meglio e capire cosa davvero lo appassiona.

Articoli Correlati

Il diario delle vacanze


Le vacanze sono (e devono essere) un momento di sfogo, divertimento e spensieratezza per i nostri bambini e proprio per questo possono diventare anche un modo utile per imparare qualcosa, sia per i bimbi che per i genitori.


Rivivere con i figli i momenti principali e le cose che si sono viste insieme aiuta a fissarli nella memoria dei bambini, creando un bagaglio che li arricchisce di piacevoli ricordi e allo stesso tempo aumenta le loro conoscenze. Allo stesso tempo, un genitore si accorgerà di quanto diversa è la percezione della vacanza che loro hanno rispetto a quella di loro figlio, di quanto sono diverse le cose importanti o quelle che lo hanno colpito.

Un modo ideale per riparlare di quello che si è visto è scorrere insieme le fotografie di viaggio, chiacchierando mentre si sfogliano e ricordando gli episodi collegati, sottolineando dove ci si trovava in quel momento.

Se il bambino va già a scuola, è utile utilizzare una cartina geografica, in cui si mostra al bambino anche il percorso di viaggio che si è seguito, quanto tempo si è impiegato, eventuali soste.

Se in una foto compare un amico di vostro figlio, potete segnalargli sulla cartina da dove viene e, se fosse straniero, che lingua si parla nel suo paese, magari insegnandogli come si dice ‘amico’ in quella lingua.
Tutto questo si può fare a voce o anche creando insieme ai vostri figli il classico “Diario di viaggio” o Scrapbook , anche con un semplice quadernone, in cui potete incollare foto, scrivere commenti, attaccare i biglietti di qualche evento a cui avete partecipato, far disegnare ai vostri figli avvenimenti successi, e chiedere ai bambini di trascrivere cosa loro si ricordano in particolare di quella vacanza (o potete farlo voi per loro se sono troppo piccoli, ma fatevelo sempre dettare e trascrivete le loro parole)

All’interno del quaderno si può creare la “Pagella delle vacanze” in cui il bambino potrà dare dei voti ai posti che ha visto e alle cose che ha fatto, scegliendo la “Cosa più bella” e “La cosa più brutta” della vacanza.
Non ha importanza che l’album (o lo scrapbook o la semplice chiacchierata) sia preciso, comprensivo o ordinato in sequenza, è solo uno strumento ma vi stupirete, se saprete ascoltare senza suggerire troppo, di quante cose scoprirete sui gusti e sulla personalità di vostro figlio.

Per qualche idea per realizzare l’album in casa, qui, dove troverete anche dei link e tantissimi consigli.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
partenza1

Partire a settembre...

Costi ridotti, poco traffico per le strade e località turistiche quasi deserte... Per chi ne ha la possibilità settembre è un ottimo mese per partire. Anche solo per qualche giorno.

continua »
42854244_m

Una vacanza portoghese

Proposta di viaggio per tutta la famiglia a Lisbona e dintorni. Tra delfini, marionette, squali alla scoperta di una delle capitali meno conosciute d'Europa.

continua »
Trebesing

Trebesing: il primo paese per bambini in Europa

Vacanze formato famiglia? A Trebesing, in Carinzia, piccola località austriaca che vanta il titolo di primo paese per bambini e neonati in Europa. Con tanto di family hotel, attività per i più piccini nel centro storico e sentiero delle favole. Località perfetta sia per le vacanze invernali che per quelle primaverili ed estive.

continua »
balena_hp

Quebec con i bambini

Nel Quebec c’è una strada chiamata “la strada delle balene', una lunga distesa d'acqua che diventa in estate il loro habitat ideale

continua »
Cerca altre strutture