Come smettere di fumare in gravidanza

Perché è importante, durante i nove mesi di gravidanza, evitare di fumare e le tecniche per raggiungere questo risultato senza patire eccessivamente. Inoltre, qualche indicazione in merito alle sigarette elettroniche.

Articoli Correlati


PERCHE' IL FUMO E' PERICOLOSO IN GRAVIDANZA?
Non fumare durante la gravidanza. Un monito che mette d'accordo tutti, medici, ginecologi, ostetriche, media, stampa… Il motivo è semplicissimo: Il fumo in gravidanza mette in serio pericolo la salute presente e futura del bambino.


Tra i danni più gravi messi in relazione con il fumo della madre durante i mesi dell'attesa.
  • scarso peso alla nascita, fino a 500 gr in meno.
  • Aumento del rischio di parto prematuro.
  • Aumento del rischio per il feto di contrarre infezioni neonatali. In particolare, infezioni alle vie respiratorie e cutanee.
  • Aumento dei problemi respiratori dopo i 18 mesi (alcuni studi, infatti, hanno messo in evidenza come i figli di donne fumatrici siano spesso vittime di asma, respiro affannoso, bronchite).
  • Aumento del rischio di tumori infantili nei primi 10 anni di vita.


Sia il fumo diretto che il fumo passivo, infatti, passando attraverso la placenta, riducono l'apporto di ossigeno alle cellule e ai tessuti con un'azione fortemente vasocostrittrice dannosa per il benessere del nascituro.



LE TECNICHE PER SMETTERE DI FUMARE
A smettere di fumare durante la gravidanza sono il 70% delle future mamme. Le altre, tendono a ridurre drasticamente il numero di sigarette nei mesi della gestazione. Per tutte, comunque, la difficoltà ad abbandonare un'abitudine consolidata.
Il consiglio per tutte, qualora la gravidanza sia cercata, di smettere di fumare prima di trovarsi di fronte al test positivo. Eventualmente, ricorrendo anche all'uso di farmaci specifici (la vareniclina o il bupropione, entrambi fortemente sconsigliati in dolce attesa). In questo modo, il percorso potrà essere più graduale, lasciando alla donna l'opportunità di provare tecniche diverse, senza alcun tipo di senso di colpa.
Se, invece, l'arrivo del bambino è improvviso, è fondamentale che il vizio del fumo venga abbandonato quanto prima. In caso, facendo ricorso a terapie di gruppo o counseling individuale. Le uniche forme di aiuto che davvero possono dare una mano alla futura mamma in un momento particolarmente delicato della sua vita.

E LE SIGARETTE ELETTRONICHE?
Ritenute da molti, un'alternativa sana alla sigaretta tradizionale, le sigarette elettroniche contengono (o possono contenere), comunque, nicotina, una delle sostanze tossiche che causano problemi al feto (nel foglietto illustrativo, infatti, le case produttrice ne sconsigliano l'uso durante la gravidanza).
Il MInistero della Sanità ne ha, di fatto, scoraggiato l'utilizzo, precisando anche che poco si sa del mix di sostanze e aromi prodotti che potrebbero, alla lunga, rivelarsi dannosi per la salute, personale e del feto.
No, quindi, anche alle sigarette elettroniche. Che andrebbero relegate in soffitta una volta scoperto l'inizio della gravidanza.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da romeo il 26 giugno 2013 alle ore 20:20

    Il fumo è la più stupida mortale e costosa trappola che l'uomo si sia mai costruito! Inoltre ha un vantaggio inestimabile: prima o poi porta ad un infarto cardiaco che abbrevia la vita del fumatore tanto da risparmiargli di morire di cancro ai polmoni! Smettere di fumare è la più saggia ed intelligente delle decisioni che una persona possa prendere per se stessa e per gli altri, se non sai come farlo vai qui http://www.smettoadesso.it/report-gratuito.html adesso è più facile!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Curiosita-gravidanza

9 curiosità sul corpo della donna in gravidanza

Durante la gravidanza, il corpo della donna si trasforma per accogliere il feto nel modo migliore. Alcuni cambiamenti, però, non hanno necessariamente a che fare con l'utero e la pancia. Per esempio...

continua »
Farmaco-depressione-postpartum

In commercio il farmaco contro la depressione post partum

La FDA (Food and Drug Administration), l'agenzia americana per i farmaci, ha dato il via libera alla commercializzazione del primo farmaco che dovrebbe contrastare la depressione post partum nelle prime settimane dopo il parto.

continua »
BonusBabySitter2019

Le neo mamme perdono il bonus bebè

La Legge sul Bilancio 2019 mette la parola fine al Bonus Baby Sitter, misura tutelativa nei confronti delle famiglie introdotta nel 2013 dalla Ministra Elsa Fornero.

continua »
Rosolia-gravidanza

La rosolia in gravidanza: quali conseguenze

Malattia piuttosto banale se contratta durante l'infanzia, la rosolia può avere conseguenze nefaste durante la gravidanza. A rischio soprattutto le donne incinta nel primo trimestre che non hanno mai contratto la malattia o che non sono vaccinate.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network