Indice di Apgar: l'esame del neonato

Alla nascita, immediatamente dopo il parto, il neonato viene sottoposto a una sorta di test che, seguendo dei parametri standard, serve a valutare le sue condizioni di salute nei secondi che seguono la nascita. E' l'indice di Apgar. Il primo esame del bebè.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Nei secondi che seguono al parto, mentre la neomamma è ancora sotto i 'ferri' e, probabilmente, non ha ancora partorito la placenta, il neonato viene sottoposto a una serie di controlli che servono per valutarne lo stato di salute e la sua capacità di adattamento alla vita extrauterina.
Si tratta del'indice di Apgar che porta il nome dell'anestesista che lo ideò agli inizi degli Anni Cinquanta e che tuttora viene utilizzato negli ospedali di quasi tutto il mondo.


Si basa, sostanzialmente, sull'osservazione di cinque parametri ai quali viene assegnato un punteggio da 0 a 2 per un valore massimo di 10 e che viene ripetuto tre volte: dopo un minuto, dopo cinque e dopo dieci minuti dalla nascita (se occorre, il test viene ripetuto a oltranza fino a normalizzazione).

INDICE DI APGAR: I PARAMETRI PRESI IN ESAME<

  • Frequenza cardiaca: assente (0 punti), <100 bpm (1 punto), >100 bpm (2 punti).
  • Respirazione: assente (0 punti), debole o irregolare (1 punto), vigorosa con pianto (2 punti).
  • Tono muscolare: assente (0 punti), flessione accennata (1 punto), movimenti attivi (2 punti).
  • Riflessi (risposta al catetere nasofaringeo): assente (0 punti), scarsa (1 punto), starnuto, pianto vivace, tosse (2 punti).
  • Colore della pelle: cianotico e pallido (0 punti), estremità cianotiche (1 punto), normale (2 punti).


Un neonato con un punteggio inferiore a 4 è considerato gravemente depresso e bisognoso di cure, da 4 a 6 moderatamente a rischio, tra 7 e 10 normale.

COME PUO' CAPIRE LA MAMMA CHE IL SUO BAMBINO E' SANO?
Per quanto confusa, dolorante e immensamente felice, la neomamma (e il neopapà se presente in sala parta) può rendersi conto anche da sola dello stato di salute del suo bambino da alcuni semplici segnali: se il bimbo piange subito dopo la nascita, è probabile che stia bene. Sicuramente non ha grossi problemi respiratori. Attenzione, però, che a volte il pianto tarda qualche istante ad arrivare e questo non significa che il bebè abbia problemi.
Se gli si porge il dito, il piccolo tende ad afferrarlo con le manine. Se la mamma gli parla e la luce della sala parto non lo infastidisce, il bambino apre gli occhi e rivolge lo sguardo alla madre, attratto dal suo volto.
Appoggiato sul seno, lentamente ma con determinazione, il neonato cerca il capezzolo e quando lo trova vi si aggrappa in cerca di latte, con un istinto assolutamente naturale.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network