Inserimento alla scuola materna in 6 mosse

6 consigli per un inserimento alla Scuola di Infanzia veloce e indolore, rispettando sempre i tempi e i modi del bambino. 

Articoli Correlati

Inserimento alla scuola materna in 6 mosse



Premesso che un bravo insegnante saprà guidarvi con i giusti consigli e il corretto supporto nell'inserimento del bambino alla Scuola di Infanzia, vanno detto subito due cose:


  1.  Non esiste la formula perfetta. Ogni bambino ha i suoi tempi e i suoi modi e ogni genitori ha le proprie ansie e le proprie paure. Quello che accomuna tutti è la certezza che prima o poi, con più o meno drammi, tutti i bimbi sono in grado di frequentare l'asilo senza particolari problemi.
     
  2. Se il bambino ha già frequentato l'asilo nido, probabilmente, è già abituato ad avere a che fare con persone estranee rispetto alla famiglia e conosce la routine scolastica. Questo, però, non significa necessariamente che un bimbo scevro da nido debba per forza avere più problemi. Né che l'inserimento del bambino già rodato debba essere preso sotto gamba e affrontato alla leggera.

6 CONSIGLI PER ANDARE SUL SICURO

  • L'attesa: in questi giorni che mancano all'ingresso alla scuola materna, preparate il bambino alla nuova avventura. Parlategli di quello che succederà da qui ai prossimi mesi. Raccontategli la vostra esperienza personale, edulcorando i fatti qualora fosse stata negativa. Portatelo a vedere la sua nuova scuola. Acquistate insieme il materiale che potrebbe essergli utile: la sacca per il cambio, le pantofoline per l'asilo, gli asciugamani da personalizzare.

     
  • La fiducia: sicuramente prima dell'inserimento gli insegnanti avranno fissato colloqui individuali per parlare con i genitori e spiegare loro le modalità dell'ingresso a scuola. Fate tesoro dei loro consigli e, qualora non ci fossero stati in passato, chiedete nei giorni in cui sarete a scuola. Dopodiché, fidatevi. Se voi vi fiderete anche il bambino lo farà.
     
  • I tempi: normalmente, per un inserimento non problematico non serve più di qualche giorno. Ci sono bambini che già dopo un paio di giorni sono in grado di fermarsi a mangiare a scuola senza problemi e pianti. Ma non tutti i bambini sono uguali e forzare i tempi serve solo a peggiorare la situazione. Siate fermi nel vostro proposito, non fatevi vedere dubbiosi o incerti. Ma non forzate la mano: se il piccolo ha bisogno di qualche giorno in più, dateglielo senza riserve.
     
  • Il clima casalingo: un ambiente sereno in casa, pochi cambiamenti evidenti, uno scambio quotidiano di impressioni e racconti aiutano i bambini ad accettare le grandi sfide di tutti i giorni, quale potrebbe essere quella di frequentare la scuola di infanzia. Riuscite a garantire al bimbo tutto ciò?
     
  • La routine: è importante sin da subito stabilire una routine che non riguarda solo la scuola, ma tutto il tempo del bambino. Per sentirsi sicuro il piccolo deve sapere esattamente cosa accadrà in ogni momento. Si, quindi, a una routine per la nanna, si alla routine per il mattino (sveglia, coccole veloci, colazione, toiletta con chiacchiere, accompagnamento a scuola), si alla routine del pomeriggio (genitori o nonni o tate che prendono il bambino, parchetto, giochi con gli amici, casa, merenda, giochi, bagnetto, cena, nanna).
    In tutto questo cercate di scandire i tempi con momenti facilmente riconoscibili: si esce di casa al mattino quando le campane avranno suonato, mamma arriva a prenderti subito dopo la merenda a scuola... 
    In questo modo il bambino riuscirà meglio a controllare le sue paure e la sua ansia da abbandono.
     
  • Coccole: aumentate le coccole e le attenzione rivolte al bambino nei momenti in cui state assieme. Fategli capire che siete orgogliosi di lui. Mostratevi interessati alla sua nuova vita. Guardate i suoi disegni e fategli vedere quanto è migliorato. Giocate con il bambino. Non lasciatelo solo quando è a casa. In questo modo non si sentirà abbandonato e andrà a scuola con più piacere.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network