Il cognome della mamma: dice sì anche il CdM

Dopo la condanna della Corte Europea dei diritti dell'Uomo di qualche giorno fa, il CdM ha dato il via libera alla modifica dell'articolo 143-bis ammettendo la possibilità di dare al figlio, anche nato al di fuori del matrimonio, il cognome della madre se c'è l'accordo tra i genitori.

Articoli Correlati

Il cognome della mamma: dice sì anche il CdM


Si erano appena spenti gli echi della notizia che la Corte Europea dei diritti dell'Uomo avesse condannato l'Italia, e non per la prima volta, per la mancanza di una legge che permettesse anche ai genitori italiani di dare ai nuovi nati il cognome della madre, e solo quello, qualora lo desiderassero, quando arriva la risposta del Governo e la decisione di modificare l'articolo 143-bis del Codice civile dando il via libera a un ddl e istituendo un gruppo di lavoro Pari Opportunità-Giustizia-Interni incaricato di valutare le conseguenze di una simile scelta (banalmente il fatto che fratelli e sorelle potrebbero avere, da questo momento in poi, cognomi differenti e il problema della gestione di un eventuale disaccordo tra i genitori).
Il ddl, infatti, prevede la possibilità di dare al figlio nato il cognome della madre, e solo il cognome della madre, qualora, però, ci sia un accordo in merito nella coppia rendendo valide le disposizione che verranno applicate alle dichiarazioni di nascita successive all'entrata in vigore della legge (non sarà, dunque, una legge retroattiva).


Forse ti può interessare anche il parere di un legale in merito alla questione del cognome materno ai figli. La decisione è stata presa, appunto, dopo il caso di una coppia di coniugi milanesi, Alessandra Cusan e Luigi Fazzo, a cui lo Stato Italiano aveva impedito di registrare all'anagrafe la figlia nata nell'aprile del 1999 con il cognome materno anziché con quello paterno.
La coppia si era appellata, dunque, alla Corte di Strasburgo che alla fine ha dichiarato lo Stato Italiano responsabile di aver violato l'articolo 14 della Convenziona e condannandolo, pertanto, a rimettere mano alla legge relativa all'attribuzione dei cognomi nel nostro paese.


Secondo i giudici della Corte Europea, infatti, la possibilità offerta nel 2000 di aggiungere al cognome del padre anche quello della madre non era sufficiente per garantire pari diritti tra i genitori. Ora, invece, l'eguaglianza tra i due sarà totale.
Rimane solo da capire come potrà essere gestito un eventuale disaccordo in merito tra il padre e la madre del bambino.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Angela il 23 gennaio 2014 alle ore 10:49

    Finalmente!!!

  • Commento inserito da Alessandra il 21 gennaio 2014 alle ore 00:22

    Scusate, ma come la mettete con i fratelli che hanno cognomi diversi? A me non sembra sta grande idea!

  • Commento inserito da Silvia il 13 gennaio 2014 alle ore 17:06

    Era ora! Finalmente una legge che, almeno sulla carta, parifica i diritti dei genitori di fronte alla legge. I miei figli ormai sono grandi e non credo di farne altri, ma mi sarebbe piaciuto che avessero il mio cognome e non quello di mio marito!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cosa-non-fare-in-gravidanza

5 cose da evitare quando si � incinta

Certo. Fumare. Bere alcolici. Intossicarsi di caffè. Alcuni 'divieti' della gravidanza sono noti e, più o meno, rispettati da tutte le donne incinta. Ci sono, però, altri piccoli accorgimenti da prendere durante i nove mesi di attesa. Per il benessere del bambino. Ma anche della futura mamma.

continua »
Fitball-in-gravidanza

Fitball in gravidanza. Ecco perché è utile

Non è molto diversa dalle palle che si trovano nelle palestre utilizzate per eseguire alcune sequenze di esercizi. Usata in gravidanza, la fitball apporta una serie di benefici durante tutti i tre trimestri di gestazione.

continua »
Peso-gravidanza

Aumento del peso in gravidanza

L'aumento di peso durante i 9 mesi di gravidanza è fisiologico e indispensabile per garantire la crescita del bambino. L'aumento, però, non segue un andamento lineare nei 3 trimestri. Ecco come dovrebbe cambiare il peso della futura mamma.

continua »
pavimento_pelvico-Kegel

Dopo il parto, esercizi di Kegel per allenare il perineo

Gli esercizi di Kegel che aiutano a mantenere allenato il perineo e rafforzano la muscoatua pelvica sono particolarmente indicati nel periodo del post partum per ritrovare il proprio benessere e assicurarsi una vita sessuale senza problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network