Il cognome della mamma: dice sì anche il CdM

Dopo la condanna della Corte Europea dei diritti dell'Uomo di qualche giorno fa, il CdM ha dato il via libera alla modifica dell'articolo 143-bis ammettendo la possibilità di dare al figlio, anche nato al di fuori del matrimonio, il cognome della madre se c'è l'accordo tra i genitori.

Articoli Correlati


Si erano appena spenti gli echi della notizia che la Corte Europea dei diritti dell'Uomo avesse condannato l'Italia, e non per la prima volta, per la mancanza di una legge che permettesse anche ai genitori italiani di dare ai nuovi nati il cognome della madre, e solo quello, qualora lo desiderassero, quando arriva la risposta del Governo e la decisione di modificare l'articolo 143-bis del Codice civile dando il via libera a un ddl e istituendo un gruppo di lavoro Pari Opportunità-Giustizia-Interni incaricato di valutare le conseguenze di una simile scelta (banalmente il fatto che fratelli e sorelle potrebbero avere, da questo momento in poi, cognomi differenti e il problema della gestione di un eventuale disaccordo tra i genitori).
Il ddl, infatti, prevede la possibilità di dare al figlio nato il cognome della madre, e solo il cognome della madre, qualora, però, ci sia un accordo in merito nella coppia rendendo valide le disposizione che verranno applicate alle dichiarazioni di nascita successive all'entrata in vigore della legge (non sarà, dunque, una legge retroattiva).


Forse ti può interessare anche il parere di un legale in merito alla questione del cognome materno ai figli. La decisione è stata presa, appunto, dopo il caso di una coppia di coniugi milanesi, Alessandra Cusan e Luigi Fazzo, a cui lo Stato Italiano aveva impedito di registrare all'anagrafe la figlia nata nell'aprile del 1999 con il cognome materno anziché con quello paterno.
La coppia si era appellata, dunque, alla Corte di Strasburgo che alla fine ha dichiarato lo Stato Italiano responsabile di aver violato l'articolo 14 della Convenziona e condannandolo, pertanto, a rimettere mano alla legge relativa all'attribuzione dei cognomi nel nostro paese.


Secondo i giudici della Corte Europea, infatti, la possibilità offerta nel 2000 di aggiungere al cognome del padre anche quello della madre non era sufficiente per garantire pari diritti tra i genitori. Ora, invece, l'eguaglianza tra i due sarà totale.
Rimane solo da capire come potrà essere gestito un eventuale disaccordo in merito tra il padre e la madre del bambino.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Angela il 23 gennaio 2014 alle ore 10:49

    Finalmente!!!

  • Commento inserito da Alessandra il 21 gennaio 2014 alle ore 00:22

    Scusate, ma come la mettete con i fratelli che hanno cognomi diversi? A me non sembra sta grande idea!

  • Commento inserito da Silvia il 13 gennaio 2014 alle ore 17:06

    Era ora! Finalmente una legge che, almeno sulla carta, parifica i diritti dei genitori di fronte alla legge. I miei figli ormai sono grandi e non credo di farne altri, ma mi sarebbe piaciuto che avessero il mio cognome e non quello di mio marito!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Esenzione-ticket-pregnancy

Esenzione da ticket in gravidanza

A chi viene riconosciuta, a quali prestazioni sanitarie dà diritto e da chi devono essere prescritte. Facciamo il punto sull'esenzione del ticket in gravidanza.

continua »
Nomi2017

I nomi più amati dagli Italiani secondo l'Istat

E con il 2017 ormai agli sgoccioli, vediamo un po' quali sono stati, secondo l'Istat, i nomi che gli Italiani hanno scelto maggiormente nel 2016 per i loro bambini. Sul podio gli evergreen Francesco, Sofia, Alessandro e Leonardo. 

continua »
Gravidanza-alimentazione

Natale e gravidanza: 6 piatti da evitare durante le feste

Che gioia il Natale con il pancione. Ma che fatica sopravvivere ai pranzi e alle cene delle feste. Soprattutto considerato che alcuni cibi andrebbero evitati del tutto per non compromettere la salute del bimbo. Ecco quali.

continua »
Bonus-bebe2018

Bonus bebè: dal 2019 varrà la metà

Confermato il bonus bebè di 960€ per il 2018 che sarà, però, ridotto del 50% a partire dal 2019. In altre parole, parents to be datevi da fare nei prossimi mesi se volete usufruirne a cifra intera. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network