Il perfetto rituale della nanna - Neonato - Bambinopoli





Il perfetto rituale della nanna

Per instaurare un buon rituale della nanna sin dai primissimi giorni sono sufficienti tre mosse. Che aiutano il piccolo ad associare i vostri gesti al momento di spegnere la luce e chiudere gli occhi.

Articoli Correlati



Costruire un rituale giornaliero della nanna è importante per abituare il bambino, sin dai primissimi giorni di vita, a regolare il ritmo sonno-veglia e per insegnargli, sin da subito, che la notte è fatta per dormire e il giorno per giocare e dedicarsi alle altre attività. Nel rispetto, ovviamente, dei suoi ritmi biologici dettati anche dall'età.


A prescindere da come decidiate di metterlo a nanna (nel suo lettino, nel lettone con voi, nel lettino accanto al vostro letto), le mosse da fare sono semplici e sono sempre le stesse.
  1. Il pigiama. Sembra un consiglio insensato. Ma soprattutto i primi mesi far indossare al bambino la tutina tutto il giorno non lo aiuta a comprendere che esistono momenti di passaggio durante la giornata. Scegliete, quindi, quali sono le tutine per dormire e quelle per uscire e prima di metterlo a nanna la sera, cambiatelo. All'inizio non comprenderà quello che sta accadendo. Ma con il passare dei mesi capirà che quando gli mettete il pigiama significa che è quasi ora di andare a nanna. E la farà diventare un'abitudine.
     
  2. Ciuccio. Quasi tutti i pediatri sono concordi nel dire che il ciuccio previene la morte in culla, rilassa il neonato e lo tranquillizza dandogli consolazione. Offrite il ciuccio al bambino sempre quando lo mettete nel lettino. Per lo meno fino al primo anno. Quando il ritmo sonno-veglia sarà stabilito, potrete iniziare a pensare di eliminarlo (mai, comunque, dopo l'anno di età).

     
  3. Il rito della nanna. Le azioni compiute prima di mettere a nanna il bambino devono essere sempre le stesse. Generalmente, si possono riassumere così: gioco, bagnetto, cambio pigiamino, pappa, gioco (anche pochi minuti), ciuccio, nanna. Siate costanti. Soprattutto all'inizio cercate di non uscire da questo schema, che va ricreato ovunque voi siate. Potrete introdurre sin da subito anche l'abitudine alla lettura di un libro prima di spegnere la luce. Prima lo farete, prima il vostro piccolo assocerà la lettura delle fiabe al momento di andare a dormire.

Leggi anche: Di quante ore di sonno ha bisogno un bambino?

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network