Come affrontare il Jet Lag dei bambini

Vacanze quasi finite per tutti e per chi è di ritorno dopo un lungo viaggio intercontinentale uno dei primi problemi da afrontare potrebbe essere il jet lag dei bambini. Come comportarsi e come prevenirlo.

Articoli Correlati

Come affrontare il Jet Lag dei bambini


Vacanze quasi finite per tutti e per chi sta per affrontare o ha appena affrontato un viaggio in aereo a lungo raggio uno dei problemi da affrontare al rientro è quello del possibile jet lag dei bambini.
Il Jet Lag, tecnicamente, è una disritmia che si verifica quando si attraversano diversi fusi orari (generalmente più di due).
I sintomi sono sonnelenza, inappetenza, nervosismo, stanchezza e, più raramente, confusione.


Non tutte le persone ne soffrono nello stesso modo e spesso i bambini ne sono immuni del tutto.
In caso contrario, però, è bene sapere come comportarsi ed, eventualmente, come prevenire.


Innanzitutto un consiglio: per quanto possibile, cercate di abituarvi quanto prima all'orario in corso del Paese in cui andrete a soggiornare. Niente sonno prolungati durante il giorno o riposino il pomeriggio se questo compromette il sonno netturno.
Ecco alcuni consigli per alleviare i sintomi o annullare del tutto il problema:
  1. ANTICIPATE O RITARDATE L'ORARIO DELLA NANNA IN MODO DA ADATTARVI AL NUOVO ORARIO ANCORA PRIMA DI PARTIRE. 
    Non è necessario stravolgere le abitudini proprio o dei bambini. Ma anticipare o ritardare di una mezz'ora/ora l'orario della nanna in modo che sia quanto più vicina possibile all'orario della nanna nel paese in cui si andrà a soggiornare, facilita il passaggio da un fuso all'altro e aiuta i piccoli ad abituarsi in anticipo al cambiamento.
  2. NON ABBIATE FRETTA
    Lo smaltimento del fuso orario ha i suoi tempi. Avere fretta o nutrire aspettative molto alto non fa che provocare altro nervosismo. Se avete attraversato i continenti, mettetevi il cuore in pace: è possibile che nei prime giorni voi e i bambini appariate diversi, irascibili, stanchi.
  3. SCEGLIETE L'ORARIO DEL VOLO
    Ormai è tardi per modficare il biglietto aereo a meno che non lo abbiate ancora utilizzato. Ma sappiate che per chi viaggia con i bimbi il consiglio è quello di scegliere voli nel tardo pomeriggio o in prima serata in modo che, molto probabilmente, durante le ore di volo i piccoli possano dormire e appaiano meno stanchi nel corso della giornata.
  4. ACQUA E IDRATAZIONE SENZA LIMITI
    Come per molte altre situazioni, anche bere molto aiuta a superare i problemi di fuso, contribuendo a migliorare il benessere dell'organismo e, di conseguenza, la sua capacità di adattamento.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Venezia-per-i-bambini-tour

A Venezia, tour per i bambini

Dopo mesi con le regioni chiuse, ora pare che si possa tornare a visitare capoluoghi e città d'arte. A Venezia, in questo momento orfana di turisti stranieri, esistono tour dedicati per i bambini. Ecco la proposta.

continua »
Turisti-citta2021

Vacanze.... in città!

È ovviamente ironico con tre quarti dell'Italia in zona arancione o rossa e le zone gialle e bianche (poche) bloccate dentro ai confini regionali. Ma nel weekend, in queste prime giornate di primavera, proviamo a cambiare itinerario. A organizzare gite in città lontane dagli assembramenti.

continua »
Treno-folliage

Il treno del folliage

E nel primo giorno d'autunno, un'idea per un weekend diverso con i bambini per scoprire come cambia la natura nei mesi che precedono l'inverno. Il Treno del Folliage, dal 17 ottobre al 15 novembre.

continua »
montagna_protezione

In montagna ad 'alta protezione'

Sulla neve, è importante proteggere pelle e occhi per evitare scottature, ustioni e congiuntiviti. Creme e occhiali sono, quindi, indispensabili.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network