Come affrontare il Jet Lag dei bambini

Vacanze quasi finite per tutti e per chi è di ritorno dopo un lungo viaggio intercontinentale uno dei primi problemi da afrontare potrebbe essere il jet lag dei bambini. Come comportarsi e come prevenirlo.

Articoli Correlati


Vacanze quasi finite per tutti e per chi sta per affrontare o ha appena affrontato un viaggio in aereo a lungo raggio uno dei problemi da affrontare al rientro è quello del possibile jet lag dei bambini.
Il Jet Lag, tecnicamente, è una disritmia che si verifica quando si attraversano diversi fusi orari (generalmente più di due).


I sintomi sono sonnelenza, inappetenza, nervosismo, stanchezza e, più raramente, confusione.
Non tutte le persone ne soffrono nello stesso modo e spesso i bambini ne sono immuni del tutto.
In caso contrario, però, è bene sapere come comportarsi ed, eventualmente, come prevenire.


Innanzitutto un consiglio: per quanto possibile, cercate di abituarvi quanto prima all'orario in corso del Paese in cui andrete a soggiornare. Niente sonno prolungati durante il giorno o riposino il pomeriggio se questo compromette il sonno netturno.
Ecco alcuni consigli per alleviare i sintomi o annullare del tutto il problema:
  1. ANTICIPATE O RITARDATE L'ORARIO DELLA NANNA IN MODO DA ADATTARVI AL NUOVO ORARIO ANCORA PRIMA DI PARTIRE. 
    Non è necessario stravolgere le abitudini proprio o dei bambini. Ma anticipare o ritardare di una mezz'ora/ora l'orario della nanna in modo che sia quanto più vicina possibile all'orario della nanna nel paese in cui si andrà a soggiornare, facilita il passaggio da un fuso all'altro e aiuta i piccoli ad abituarsi in anticipo al cambiamento.
  2. NON ABBIATE FRETTA
    Lo smaltimento del fuso orario ha i suoi tempi. Avere fretta o nutrire aspettative molto alto non fa che provocare altro nervosismo. Se avete attraversato i continenti, mettetevi il cuore in pace: è possibile che nei prime giorni voi e i bambini appariate diversi, irascibili, stanchi.
  3. SCEGLIETE L'ORARIO DEL VOLO
    Ormai è tardi per modficare il biglietto aereo a meno che non lo abbiate ancora utilizzato. Ma sappiate che per chi viaggia con i bimbi il consiglio è quello di scegliere voli nel tardo pomeriggio o in prima serata in modo che, molto probabilmente, durante le ore di volo i piccoli possano dormire e appaiano meno stanchi nel corso della giornata.
  4. ACQUA E IDRATAZIONE SENZA LIMITI
    Come per molte altre situazioni, anche bere molto aiuta a superare i problemi di fuso, contribuendo a migliorare il benessere dell'organismo e, di conseguenza, la sua capacità di adattamento.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Hotel-da-favola2

Hotel... da favola

Ecco un elenco di alberghi per famiglie in giro per l'Italia che sembrano usciti dal mondo dei cartoon. Per pernottamenti da favola!

continua »
Milano-qualita-vita

Perché Milano è la città in cui si vive meglio

A grandissima sorpresa è Milano la città in cui, secondo l'annuale indagine formulata dal Sole 24 ore, si vive meglio in Italia. Al secondo posto Bolzano, seguita da Aosta. Ecco i motivi. 

continua »
Gardaland-magic-winter

Gardaland, magic winter

Dall'8 dicembre fino al 6 gennaio, addobbi, luci, decorazioni trasformano Gardaland in Gardaland, magic winter. Un incantevole villaggio invernale per vivere al meglio la magia di Natale.

continua »
Albero-Natale-NewYork

Gli alberi di Natale più belli del mondo

Un viaggio velocissimo intorno al mondo per scoprire dove si trovano gli alberi di Natale più belli, evocativi, coinvolgenti In una specie di classifica (senza nessun fondamento) di quelli più scintillanti.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network