Gravidanza: i disturbi dell'estate

Gambe gonfie, pressione bassa, sudorazione abbondante, senso di fastidio. L'estate non è una gran stagione per le future mamme in dolce attesa. Quali sono i disturbi più frequenti e come comportarsi.

Articoli Correlati

di Alice Demare
Gambe gone, pressione bassa, colpi di calore, sudorazione abbondante, insofferenza generalizzata, difficoltà a prendere sonno... Alcuni dei disturbi tipici della gravidanza, durante l'estate si intensificano, diventando spesso insostenibili. Ritrovarsi col pancione quando caldo e afa spazzano le città (e, spesso, anche le località di villeggiatura) non è certo una passeggiata e senza alcuni piccoli accorgimenti, i mesi estivi rappresentano un vero e proprio incubo per le donne incinta.
Ecco alcuni consigli per affrontare al meglio l'estate, sfruttando le possibilità offerte dalla stagione per migliorare il proprio benessere generale e il proprio stato di salute.



GONFIORE E PESANTEZZA: COME CONTRASTARLI
Se il senso di gonfiore e pesantezza sembra essere imprescindibile dello stato interessante, gli stessi disturbi sono amplificati in estate, quando il caldo trasforma gambe, mani, dita rendendo, talvolta, difficoltoso persino infilare un paio di scarpe.

  • Indossate scarpe comode. Evitate di mettere anelli.
  • Se ne avete la possibilità, sottoponetevi periodicamente a massaggi drenanti. Ottime, eventualmente, anche alcune creme specifiche per la gravidanza da stendere tutti i giorni sulle gambe che aiutano proprio a ovviare a questo problema.
  • Tutte le sere, effettuate un pediluvio in acqua fredda, aggiungendo nella bacinella sale marino o bicarbonato.


  • CALDO, SENSO DI SVENIMENTO
    Se il caldo toglie le forze a chiunque, a maggior ragione questo succede alle donne in gravidanza già colpite, proprio per il loro stato, da episodi di pressione bassa e carenza di sali minerali.
  • Consigliati dal vostro ginecologo, integrate i sali minerali persi con la sudorazione abbondante, con integratori specifici.
  • Aumentate la quantità di acqua assunta durante il giorno che dovrebbe essere di circa un litro e mezzo/due liti di acqua.
  • Evitate cibi piccanti o particolarmente pesanti che rallentano la digestione e aumentano il senso di fastidio al caldo.
  • Non appena possibile, abbandonate le città arroventate e dirigetevi verso località di campagna o collina. Dove le temperature più miti vi aiuteranno a tollerare meglio le alte temperature e dove, comunque, il tasso di umidità è più basso rispetto a quello cittadino.
  • Indossate abiti leggeri e in tessuti naturali che aiutano la pelle a traspirare. Perfetti il lino o il cotone, utilizzati per abiti ampi, che non comprimano.


  • SOLE e BAGNI DI SOLE
    Anche i bagni di sole possono risultare rischiosi per la salute della futura mamma che potrebbe ritrovarsi con la cosiddetta

    Ricetta della settimana

    Forse ti potrebbe interessare

    Cadere-gravidanza

    Come evitare cadute in gravidanza

    Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

    continua »
    5-modi-sentirs-postpartum

    5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

    Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

    continua »
    Gravidanza-al-mare

    Al mare col pancione

    Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

    continua »
    Diastasi-addominale

    Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

    La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

    continua »

    Cerca altre strutture





    Ricetta della settimana

    I piú cliccati

    Seguici sui network